La reazione del presidente del Fc Lugano Angelo Renzetti
Immagini articolo
"Serviva condivisione
per una scelta seria"
MASSIMO SCHIRA


È un po’ sorpreso, ma anche un pochino scocciato, Angelo Renzetti. Il presidente del Lugano, infatti, non si aspettava la decisione "forte", come quella di portare in fabbrica i giocatori dopo la partita persa a Thun, presa da mister Paolo Tramezzani. Una gara certamente non ben giocata, ma… "A dire la verità non conoscevo questo lato del carattere dell’allenatore - conferma Renzetti al Caffè -. Ma posso dire che questa decisione andava condivisa con la società. Perché ha delle implicazioni, come si è visto. Mediatiche, certo, ma anche sul territorio, nella città, tra i tifosi".
Anche sulle ricadute della scelta di "riportare tutti coi piedi per terra", il numero uno bianconero ha qualche perplessità. "Potrebbero esserci conseguenze positive, ma per saperlo, bisogna attendere la risposta del campo - precisa -. L’allenatore ha portato molta della sua grande energia nel gruppo con risultati positivi. Ma casi come questo insegnano che bisogna confrontarsi di più all’interno della società. Perché, tutto sommato, i risultati sportivi sono buoni". Nello sport, spesso gli "outsider" che raggiungono (o possono raggiungere) ottimi traguardi hanno poi problemi nel gestire le dinamiche interne. Parlare subito di Europa, in casa Lugano, potrebbe insomma aver infiammato un po’ troppo l’ambiente. Il presidente non è però di questo avviso. "La penso esattamente come il nostro capitano, Sabbatini - conclude -. Che è un giocatore umile, che ha dato tanto al Lugano. Lui dice: ‘è giusto così’ perché bisogna sempre puntare ad obiettivi migliori. Con otto punti di margine sulla salvezza e due di ritardo sull’Europa, quindi…".
19.03.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Quando lo Stato
diventa mamma
L'INCHIESTA

Calano i morosi
delle Casse malati
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'anziano digitale
stimola la produttività
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il protezionismo,
retorica della paura
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.05.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 28 maggio 2018.
15.05.2018
Pubblicato un nuovo rapporto sullo sviluppo territoriale: "Nuove geografie della logistica nel Cantone Ticino" [www.ti.ch/ostti]
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra:
il grande giorno
è finalmente
arrivato

L'arduo tentativo
della formazione
del governo
iracheno