I parroci ticinesi spiegano come battere la crisi religiosa
Immagini articolo
'La sfida del Vangelo
è la vera rivoluzione'
OMAR RAVANI


Le condizioni sono cambiate molto rispetto a qualche decina di anni fa: seguire la fede è diventata una sfida controcorrente - dice il parroco di Morbio, don Guido Pagnamenta -. Oggi il vero gesto rivoluzionario è seguire il Vangelo, viverlo giorno per giorno". Per il sacerdote è il mondo in generale ad essere cambiato. "La vita scorre troppo veloce, talmente tanto da appiattire ogni cosa - continua don Guido -. Dobbiamo smettere di pensare in orizzontale, accorgendoci che servono valori per uscire dal guscio che ci stiamo creando attorno". In tutto questo, un ruolo fondamentale lo gioca l’aggregazione. "Non è solo un problema della Chiesa, ma colpisce tutte le attività che richiedono un impegno - aggiunge il parroco,  attivo a livello diocesano nella pastorale giovanile -. Ormai è poca la gente che gioca la carta del rischio. Già, perché entrare a far parte della vita cristiana vuol dire ormai far parte di una minoranza.
E per essere attivi in una minoranza ci vuole coraggio. L’istituzione si sta dando da fare, propone anche attività interessanti. Ma sono pochi quelli che vogliono andare contro la maggioranza ormai omologata". Una minoranza magari composta da piccoli numeri, ma comunque sufficienti a far gruppo, perché come spiega il sacerdote, "la vera felicità nelle azioni che si compiono giunge quando si realizza che si fa parte di un gruppo e che da soli non è possibile proseguire - continua don Guido -. Si torna allora a riscoprire il concetto di gruppo, ciò che ha sempre fatto la forza del genere umano". Una forza che negli ultimi tempi è venuta a mancare, soprattutto all’interno delle associazioni religiose. "Una volta, grazie anche ad una società più povera, ma molto ricca di ideali, la chiesa e l’oratorio erano un vero punto d’incontro. Oggi ci si rifugia in casa, in balia dell’aggeggio tecnologico di ultima generazione. I più giovani hanno quasi completamente perso la voglia di incontrarsi per uno scopo che non sia solo il divertimento", afferma critico don Pagnamenta.
"Non faccio statistiche sul livello di partecipazione all’attività parrocchiale - dice don Ernesto Barlassina, parroco di Gordola e Lavertezzo Piano – è evidente che rispetto al passato quando la parrocchia rivestiva un ruolo centrale nella vita dei nostri paesi, siamo di fronte ad un calo di presenze dovuto anche ad un fenomeno più complessivo di integrazione sociale, di immigrazione, di persone che non sono legate al territorio". Ma più che di crisi della "civiltà parrocchiale", ovvero di quella forma di socializzazione che ancora nel secolo scorso ruotava attorno alla chiesa, agli oratori, e che faceva della parrocchia un fattore di integrazione socio-culturale, don Ernesto, parla di crisi delle pratiche religiose. "In compenso - aggiunge - da alcuni anni sono riprese con forza le attività giovanili della parrocchia, abbiamo il gruppo giovani, gli scout, le colonie estive".
Ma se le proposte ci sono, quello che manca è una solida risposta. "Purtroppo siamo di fronte solo ad una minima partecipazione dei giovani. Quando si organizza il torneo di calcio arrivano in tanti, ma poi…", osservano i preti della parrocchia di Mendrisio, lamentando anche l’assenza della famiglia, oltre alla perdita di punti di riferimento umani, prima ancora che religiosi.  o.r.
09.04.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel