La Svizzera ai vertici del World Happiness Report 2017
Immagini articolo
"Noi non possiamo
che essere felici!"
EZIO ROCCHI BALBI


Sono felice come donna, madre e svizzera" dice convinta la 53enne Nadia. "Felice e fortunato" si proclama anche il 35enne Gabriel, come la 33enne Julie che si sente partecipe "di una felicità da condividere". La 45enne Samantha, va anche oltre: "Con tutte le chance che offre il nostro Paese è quasi un dovere essere felici". Ovviamente non abbiamo interpellato uno per uno tutti gli svizzeri, ma sarebbe comunque difficile individuarne uno sorpreso di trovare, ancora una volta, la Confederazione ai vertici del "World Happiness Report 2017", il Rapporto mondiale sulla felicità - pubblicato dalle Nazioni Unite - che classifica 155 Paesi in base al loro livello di "felicità".
Una felicità che, secondo il sociologo Luca Bertossa (vedi intervista in pagina) è forse troppo condizionata dalla predominanza degli indici economici, dalla sicurezza e dalla stabilità del Paese, ma che sicuramente riflette un sentimento generalizzato. Soprattutto se confrontato con altre realtà. "La tranquillità, la sicurezza, il sostegno sociale e anche la situazione economica sicuramente concorrono - dice Nadia Fontana Lupi,  direttrice dell’Organizzazione turistica regionale Mendrisiotto e Basso Ceresio -, ma effettivamente è difficile replicare la nostra qualità di vita in altri Paesi del mondo. E sono felice di essere felice come donna, sia nella vita di coppia, sia come madre. Perché, grazie proprio a quella libertà di scelta che ci viene riconosciuta, il livello di emancipazione raggiunto ha fatto sì che la parità sia toccata finalmente agli uomini che, senza cambiare i ruoli, oggi si occupano più della casa, dei figli".
La libertà di scelta è solo una delle sei variabili chiave analizzate dall’Onu, ognuna delle quali esplora un diverso aspetto delle condizioni di vita. Le altre vanno dal Pil pro capite del Paese, all’aspettativa di vita in buona salute, il sostegno sociale, la fiducia - misurata come assenza percepita di corruzione nel governo e nel business - e la generosità (pesata sulle donazioni). "Tutti aspetti che concorrono alla nostra felicità e non trascuro affatto anche l’ambiente in cui si cresce, si vive - commenta Gabriel Broggini dei Sinplus che, col fratello Ivan, ha appena pubblicato l’album "This is what we are" -. Mi definisco felice e fortunato perché sono consapevole di tutte le opportunità offerte dal Paese, ma ricordo che anche le opportunità bisogna saperle cogliere, impegnarsi e rischiare senza partire dal presupposto che, male che vada, avrai una mano. Poi un pizzico di fortuna non guasta mai".
Più che sulla fortuna, la conduttrice Rsi Julie Arlin, ha fatto affidamento sulla condivisione. "Sì, la felicità per me è la cosapevolezza che puoi condividerla -  dice Julie che, dopo "Malatempora" in tv, è approdata anche alla radio -. Poi va da sé che, nella vita, a tutti possono capitare vicissitudini non sempre positive, ma le condizioni generali offerte dal Paese offrono indubbiamente possibilità di soddisfazione. La libertà di interpretare un proprio ruolo nella società, e gli strumenti messi a disposizione per raggiungerlo ci sono. Sono passata dall’università al master, da responsabile della comunicazione all’entertainment... sì, non mancano le chance e sono felice di averle colte".
Pragmaticamente la capoprogetto del Parco nazionale del Locarnese Samantha Bourgoin non vuole parafrase il titolo del film di Aldo, Giovanni e Giacomo "Chiedimi se sono felice". "Sì, perché tra sicurezza, benessere, possibilità e sistema sociale nel nostro Paese è quasi un dovere esserlo - dice la promoter di Locarno on Ice -. Naturalmente la felicità è uno stato d’animo, che apprezzi particolarmente in certi momenti, non credo sia una condizione perenne e perpetua. Forse, nel World Happiness Report,  sarebbe stato più adeguato definirla ‘serenità’. Ma non credo cambi molto, in entrambi i casi è una condizione che si vuole raggiungere, e se ti si offrono le possibilità vantaggiose che offre il nostro Paese sta solo a te sfruttarle". E non a caso, in un punteggio da 1 a 10, la Svizzera ha ottenuto 7, 494. A soli 4,3 centesimi dal podio della Norvegia.
erocchi@caffe.ch
09.04.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel