L'analisi del sociologo Bertossa sulla classifica della gioia
Immagini articolo
"La felicità svizzera
condizionata dai soldi"
EZIO ROCCHI BALBI


La felicità di vivere in Svizzera è indiscutibile, ma forse i parametri Onu dell’Happiness Ranking sono troppo condizionati dai fattori economici. Il sociologo Luca Bertossa dà per giustamente scontato che il Paese anche quest’anno sia ai vertici della speciale graduatoria, "Ma basta osservare i dati nel dettaglio per scoprire che il Pil procapite è predominante, così come la sicurezza del welfare e l’aspettativa di vita - dice Bertossa -. Tutte caratteristiche ‘classiche’ della Svizzera, ma mi chiedo se, oggettivamente, la percezione della felicità non dovrebbe essere considerata con parametri diversi nelle varie regioni del globo".
Quali parametri non la convincono?
"Sono tutti parametri legittimi, per carità, ma mi sembra come la misurazione dell’intelligenza, che in fondo è affidata ai soli test che determinato il Q.i mentre sappiamo che ha molteplici sfaccettature. Quindi parametri standard, ma forse troppo ‘business oriented’".
La libertà, nella vita, di prendere decisioni, fare scelte non è un fattore economico.
"Vero, ma bisognerebbe distinguere se questa libertà è legata alle scelte di base - formazione, impiego, eccetera - che rientrano nelle sicurezze garantite dal Paese, oppure parliamo di decisioni che comportano anche la necessità di ingegnarti per rispettarle. E in questo la Svizzera non mi sembra brillare".
Sapere che puoi contare su un sistema sociale efficiente è sicuramente motivo di felicità.
"Non lo metto in dubbio, ma anche in questo caso si è più felici perché sai che, se ti ritrovi in difficoltà ci pensa l’assicurazione o l’assistenza statale, oppure perché hai una rete sociale, parenti e amici, su cui fare affidamento?".
Eppure questi parametri sono universali, gli stessi adottati per tutti i Paesi.
"Sì, una parte indicata dalla Banca mondiale, parte dall’istituto di ricerca Gallup, ma secondo me qualcosa non quadra..."
A cosa si riferisce?
"Trovo difficile accettare che negli Emirati Arabi siano più felici che in Francia e in Spagna, e che nonostante tutte le difficoltà in Uzbekistan il tasso di felicità sia più alto dell’Italia e il doppio del Portogallo".
09.04.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel