Addio alle merendine per il primo pasto della giornata
Immagini articolo
La colazione più sana
è quella della nonna
PATRIZIA GUENZI


Merendine, dolci, biscotti e prodotti industriali  da forno addio. La colazione diventa salutista. Complice, anche, la voglia di risparmio, si torna all’autoproduzione, mantenendo qualità e gusto. Come facevano le nonne di un tempo: pane, biscotti e torte fatti in casa, con l’obiettivo di evitare il più possibile gli sprechi. Per noi consumatori moderni si tratta, anche, di ridare il giusto valore al pasto più importante del giorno, spesso consumato di fretta. Con più semplicità e meno grassi saturi, dannosi per la salute e il cui apporto nutrizionale è scarso.
Una diminuzione nella vendita di merendine e simili per la prima colazione è confermato anche da Migros Ticino: "Negli ultimi anni abbiamo registrato un leggero calo delle vendite di questi prodotti - dice il portavoce Luca Corti -. Difficile dire se sia dovuto ad una tendenza più salutista o piuttosto alla crescita del fenomeno del turismo degli acquisti visto che molti di questi articoli sono tipicamente italiani". Una cosa è certa: oggi c’è la consapevolezza di quanto grassi e zuccheri siano dannosi per la  salute. Come quelli contenuti nei pacchi di cereali o negli snack industriali, tanto per fare un esempio. Senza dire che in uno yogurt ci sono sino a quattro zollette di zucchero! Il limite da non superare, secondo l’Oms, è di 50 grammi al giorno, circa 12 cucchiaini da caffè. Ma per ottenere un maggiore beneficio per la salute queste quantità dovrebbero essere dimezzate. Non bisogna infatti calcolare soltanto i cucchiaini messi ogni giorno nel tè o nel caffè, ma anche quelli contenuti in gran parte dei prodotti che comperiamo. In una bibita gassata in lattina spesso c’è già la metà del totale di zuccheri aggiunti da non superare al giorno, in un bicchiere di tè freddo ce ne sono dai 20 ai 30 grammi.  
Lo scopo è duplice: un occhio alla salute e uno al borsello acquistando meno prodotti industriali. Almeno la colazione, il pasto più importante della giornata, dovrebbe essere fatto come Dio comanda. Tornando alla tradizione. Senza sottostare al diktat della pubblicità, capace di far sentire in colpa un esercito di mamme che non riforniscono di sfiziosi dolcetti preconfezionati i loro pargoli.
Da qualche anno anche le  industrie alimentari hanno diminuito la quantità di zucchero nei loro prodotti. E i consumatori sono diventati più attenti e leggono le etichette. I grandi magazzini da tempo hanno fiutato l’affare, proponendo decine e decine di prodotti bio in alternativa ad un’offerta più industriale. E le vendite danno loro ragione. L’etichetta biologica attira sempre. È certezza di qualità. Lo sanno bene gli studiosi di mercato, che lavorano quotidianamente nel tentativo di indirizzare i bisogni delle masse.
In Svizzera il primato nel mercato del biologico se lo contendono Coop e Migros. Un mercato che continua a crescere: nell’ultimo anno il numero delle aziende del settore così come quello dei consumatori è significativamente aumentato. E la Confederazione è al primo posto per la spesa pro capite di prodotti bio. Il che fa ben sperare.

pguenzi@caffe.ch
@PatriziaGuenzi
07.05.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il Califfo capitola
ma non all'estero
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017
14.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2017
11.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2017
06.09.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 settembre 2017.
05.09.2017
Pubblicati i dati di quattro ulteriori punti di misura delle PM2.5 in Ticino: Airolo, Locarno, Brione e Pregassona [www.ti.ch/oasi]
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2016
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
24.08.2017
Proscioglimento dagli obblighi militari 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra
migliaia
manifestano
contro la Brexit

Bangladesh
Rohingya,
rischio di crisi
umanitaria

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch