l'Occidente cerca il benessere in un'antica disciplina
Immagini articolo
Lo yoga è salute...
tra moda e tradizione
PATRIZIA GUENZI


Combatte ansia, depressione, mal di schiena, burn out, disagi psicologici legati alla menopausa; allevia la spossatezza nelle pazienti oncologiche operate al seno e i fastidi provocati dalla gravidanza; migliora la qualità di vita degli asmatici; aiuta chi soffre di obesità a tenere il peso sotto controllo; riduce gli attacchi epilettici ed è una mano santa per i cardiopatici. Insomma, ce n’è abbastanza per metterci tutti quanti a ripetere in coro: "om", il famoso mantra delle sedute di yoga. Praticato da milioni di persone in tutto il mondo, gli asana, le posizioni dello yoga, libererebbero da tutta una serie di malesseri psicofisici.
Ma si fa presto a dire yoga. In realtà è una disciplina molto complessa e diversificata. Nel corso dei secoli è stata approfondita in modi differenti a dipendenza dei periodi storici, delle zone geografiche, delle influenze culturali. L’Astanga Yoga, ad esempio, è considerato una forma di meditazione in movimento, conosciuto anche come yoga del respiro, ottimo per il corpo e per la psiche. Ma esistono tanti stili diversi, accomunati da un unico intento: creare benessere psico-fisico.
Secondo uno studio condotto da un team di ricercatori australiani e tedeschi, che ha anche considerato altre ricerche in cui si sono confrontati 52 diversi stili di yoga (dal Karma Yoga al Jinana Yoga, dal Nada Yoga al Raja Yoga), non ci sarebbero differenze sostanziali sull’efficacia. A patto di prendersi il tempo necessario. Non basta fare una seduta in tutta fretta, tanto per imparare quattro movimenti da ripetere poi a casa. No, lo yoga è una disciplina seria.
A noi occidentali richiede uno sforzo in più, pazienza, attenzione e intuizione per cogliere i messaggi non verbali che ne costituiscono il vocabolario principale. Per comunicazione non-verbale si intende tutto quel complesso di segnali, gesti, movimenti, posture, espressioni del volto, posizione spaziale, toni di voce e altri aspetti che esprimono il nostro essere senza bisogno di parole. Perché yoga significa unione, al di là di tanti discorsi. E affidarsi ad un buon insegnante è l’ideale. "È impossibile imparare le corrette posizioni, la respirazione e lo sguardo, fondamentale nello yoga per raggiungere il benessere - spiega Jana Bickhard-Bottinelli, da oltre vent’anni insegnante di yoga". Benessere che chi frequenta i suoi corsi conferma. "Non per niente ho persone che continuano a tornare da me, qualcosa questo vorrà pur dire".
Molti studi confermano che lo yoga aiuta a migliorare la propria immagine corporea, mentre una serie di ricerche pubblicate dal British medical journal ne ha evidenziato l’efficacia per trattare ansia e disturbi ossessivo compulsivi. Ma al di là di chi ha patologie più o meno gravi, lo yoga fa bene comunque. A tutti. Giovani e anziani. Migliora la flessibilità, dà forza, giova alla muscolatura ed elimina le tossine. "Ovviamente, a chi ha una certa età propongo la versione soft - dice Bickhard-Bottinelli -, i movimenti sono più lievi e alla portata anche di un fisico non allenato. Per tutti gli altri c’è la versione intensiva, adatta ai più giovani o a chi non ha alcun problema di movimento". Infine, impossibile non sottolineare l’aspetto spirituale dello yoga. Soprattutto se si sceglie uno degli stili che includono molta meditazione, canto e studio delle scritture. Uno su tutti il Kundalini, detto pure yoga della consapevolezza, che mira a creare equilibrio e armonia fra corpo, anima e mente, unificando le tecniche di diverse vie dello yoga in un sistema unitario.

pguenzi@caffe.ch
@PatriziaGuenzi
18.06.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe