Dati preoccupanti per una malattia sempre più diffusa
Immagini articolo
Pericolosa epidemia
del "dolce" diabete
CRISTINA GAVIRAGHI


Non è una malattia infettiva, eppure è considerato una vera e propria epidemia. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), il diabete riguarda oggi nel mondo oltre 415 milioni di persone, un numero in notevole aumento se si considera che, nel 1980, i diabetici erano circa 100 milioni. Con tale trend di crescita, si prevede che tra vent’anni oltre 600 milioni di pazienti soffriranno di questo pericoloso disturbo che alla lunga può causare diverse altre patologie, al cuore ad esempio, agli occhi e ai reni. La Svizzera ha dati in linea con l’Europa, con oltre il 7 per cento di diabetici tra la popolazione. Numeri preoccupanti per una patologia cronica progressiva, con risvolti negativi sulla qualità di vita dell’individuo e sui bilanci sanitari dei Paesi.
La malattia è caratterizzata dall’incapacità di gestire il metabolismo del glucosio che, per diventare fonte di energia per il corpo, deve passare dal sangue alle cellule grazie all’ormone insulina prodotto dal pancreas. Nel diabete di tipo1, patologia autoimmune che insorge in età giovanile, la presenza di insulina viene meno per via della distruzione delle sue cellule produttrici e la somministrazione dell’ormone è l’unica terapia. Il più diffuso, però, con il 90 per cento dei casi, è il diabete di tipo 2 tipico dell’età adulta, anche se negli ultimi tempi sta aumentando anche tra i più giovani. Qui un’insufficiente produzione di insulina o una resistenza delle cellule alla sua azione implica un aumento anomalo del glucosio nel sangue e costringe i tessuti ad attingere ad altre fonti di energia, con formazione di sostanze dannose.
Se il diabete di tipo 1 esordisce in modo acuto con sintomi come sete, stimolo a urinare, stanchezza, perdita di peso, fame, disturbi visivi e infezioni frequenti, quello di tipo 2 ha gli stessi segni, ma compaiono più lievi e tardivi, quando le complicanze sono già alla porta. Un più alto rischio di infarto, ictus, insufficienza renale, disturbi al sistema nervoso, retinopatia, e ulcerazioni agli arti inferiori sono tutte conseguenze di un prolungato cattivo controllo della glicemia.
Ma perché così tanti diabetici? Gli esperti parlano di "diabesità", indicando lo stretto legame tra diabete e obesità, anch’essa in aumento negli ultimi decenni. Sedentarietà, cattiva alimentazione, sconvolgimenti nelle abitudini portano a chili di troppo, uno dei principali fattori di rischio del diabete, insieme anche ad aspetti genetici ereditari. Il rischio di diabete potrebbe ridursi del 50 per cento solo con sani stili di vita che sono, tra l’altro, la prima cura per la patologia cui si possono affiancare farmaci e somministrazione di insulina.
Importante la prevenzione, con attenzione al pre-diabete, condizione in cui la glicemia è alta, ma non a tal punto da far diagnosticare la malattia o da dare qualsivoglia segnale d’allarme. In questo caso più moto e una dieta sana possono evitare l’evoluzione in diabete. Ci sono poi farmaci sempre più innovativi, anche per le complicanze e moderni sistemi per la misurazione della glicemia, fino ad arrivare, tra pochi anni, al "pancreas artificiale", un sistema impiantabile che permetterà di valutare il fabbisogno di insulina e somministrarne la giusta quantità al paziente con un microinfusore.
05.11.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe