Le nuova strategie dell'Isis per ingaggiare "soldati"
Immagini articolo
Il terrore islamico
recluta su Internet
GUIDO OLIMPIO


Per quasi due anni lo Stato islamico ha avuto a disposizione un territorio immenso per accogliere volontari, uomini e donne arrivati da quasi una novantina di Paesi. Hanno seguito percorsi consolidati, di solito attraverso la Turchia. Non pochi europei hanno usato l’Italia per unirsi ai loro compagni, con viaggi che li hanno portati poi in Grecia e infine nel Califfato.
In tanti sono stati aiutati da cellule di reclutamento spuntate nei aesi del Vecchio Continente. Strutture che hanno riprodotto uno schema già visto con al Qaeda. Un flusso continuo, difficile da quantificare, comunque sufficiente a creare un "esercito".
Oggi questa realtà potrebbe però mutare, con una maggiore enfasi da parte dei jihadisti nell’uso di Internet come sistema di "ingaggio" di nuovi seguaci. La valutazione, però, deve essere sempre prudente visto che spesso la "conoscenza" del movimento si è rivelata inesatta. Perdute Mosul e Raqqa, le due capitali della fazione estremista, i mujaheddin hanno dovuto cedere altri spazi ai molti nemici. Sapevano che questo periodo sarebbe arrivato e, stando all’intelligence, si sono preparati. Puntando su due filoni. Il primo è quello di un territorio digitale. Mentre i combattenti si disperdono e tornano al binomio terrorismo-guerriglia l’apparato mediatico deve mantenere viva l’idea che il progetto politico prosegue. Il Califfato, in questa chiave, avrà meno villaggi e località, ma sarà presente nella realtà virtuale. La propaganda e i messaggi di lotta sul web continueranno a dare giustificazioni, motivazioni e indicazioni a chi crede in una missione senza fine. È certamente qualcosa di astratto che, tuttavia, non si può sottovalutare perché tiene insieme militanti che agiscono in Iraq e coloro rimasti lontani.
Il secondo percorso è un maggiore impegno per gli ispiratori. Già in questi due anni alcune figure nate o cresciute in Francia si sono trasferite in alcuni luoghi del Medio Oriente e da qui, ricorrendo al web, hanno prima adescato adepti, quindi hanno cercato di pilotare le loro mosse. Il fine era duplice: farli arrivare nelle città sotto il loro controllo; trasformarli in macchine per attentati. E in molti casi ci sono riusciti, innescando in modo remoto persone già radicalizzate e dei "novizi". Meticoloso, ad esempio, il lavoro fatto da alcuni nei confronti di donne occidentali, scovate su Facebook, in qualche caso corteggiate e poi convinte a passare dall’altra parte.
È lecito attendersi una spinta in questa direzione. Gli uomini di al Baghdadi, pur ridotti nei ranghi e con risorse limitate, hanno un vantaggio: quello di proporre un modello che suscita interesse e fornisce una causa a dozzine di attivisti. E Internet è il gancio formidabile. I tagliagole lo hanno utilizzato alla perfezione, rendendo ancora più agile. Tante le piattaforme a disposizione per imbarcare sulla "nave" forze fresche. E la caduta dei "santuari" dove avevano imposto la loro legge potrebbe costringerli a investire, sempre grazie alla rete, sugli occidentali. Difficile pensare che possano raggiungere il Medio Oriente in modo agevole, più facile che si guardino intorno, prendendo di mira target nella cittadina dove vivono, nel quartiere dove risiedono.
È un pericolo noto agli apparati anti-terrorismo, i servizi di sicurezza da tempo hanno promosso un’azione di contrasto monitorando alcuni canali di comunicazioni e alzando la guardia. Gli arresti avvenuti in numerosi stati, dalla Spagna al Marocco, ne sono la prova. Resta un problema di fondo: l’elaborazione di un messaggio che sia più convincente di quella dei nostri avversari. I tentativi fatti per togliere linfa al radicalismo e indurre chi ha abbracciato pensieri oltranzisti hanno portato risultati scarsi. L’Isis ha manovrato e manovra sul web come fosse la trincea dell’ultima resistenza, convinto che governi e regimi non daranno risposte alle esigenze concrete ai disastri – materiali e psicologici - causati dalla guerra. Un punto di partenza per una possibile rinascita del Califfato.
05.11.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni