Più casi di tumore della pelle nella Confederazione
Immagini articolo
Il melanoma in Svizzera
marcia più velocemente
CRISTINA GAVIRAGHI


Oltre 25 nuovi casi all’anno ogni 100mila abitanti, questa la diffusione del melanoma in Svizzera. Un numero tra i più alti d’Europa, insieme a quelli di Olanda e Paesi Scandinavi, che colloca il più temibile tumore della pelle al quarto posto tra i carcinomi più frequenti nella Confederazione.
Si tratta di un cancro che si origina dai melanociti, le cellule contenenti melanina presenti negli strati più superficiali della cute. Non è il tumore della pelle più diffuso, ma è il più pericoloso perché aggressivo e capace di metastatizzare. Tra le neoplasie solide è quello con il più alto tasso di incremento al mondo. L’Oms ha stimato un aumento della sua incidenza superiore al 200 per cento negli ultimi 30 anni, complici l’invecchiamento della popolazione e l’abuso dell’abbronzatura artificiale e dell’esposizione non protetta al sole.
Anche in Svizzera il trend è quello di una continua e rapida crescita, ma qui si registra anche una mortalità tra le più basse d’Europa, segno di una corretta prevenzione e di buone cure. I tipi di melanoma con il più alto incremento sono quelli a uno stadio poco avanzato; questo indica una buona adesione agli screening e un’efficace diagnosi precoce grazie alla quale una patologia così pericolosa può raggiungere tassi di sopravvivenza di oltre il 90 per cento.
Diagnosi precoce e prevenzione sono le chiavi per contrastare il melanoma come sa bene la Società svizzera di dermatologia e venereologia attiva in molte campagne di sensibilizzazione sulla questione. Dalle informazioni sui fattori di rischio per la patologia come un’eccessiva esposizione ai raggi Uv, avere pelle, capelli e occhi chiari, la presenza di molti nei e familiarità per tumori dermatologici, a notizie sui centri dove effettuare gli screening. Questi si avvalgono di tecniche come l’epiluminescenza, uno speciale metodo di ingrandimento e illuminazione della pelle e di biopsie del tessuto, per confermare la presenza di lesioni neoplastiche. Importante sempre anche l’autoesame dei nei, per individuare un sospetto cambiamento nella loro forma, dimensione e colore.
Se al melanoma, però, si può sopravvivere è anche merito dei progressi che la medicina ha compiuto nell’ambito delle terapie. Quella chirurgica resta l’intervento principale, spesso affiancata dalla radioterapia, specie se si tratta di un melanoma superficiale e circoscritto, ma sempre più si aggiungono trattamenti innovativi che portano a risultati solo qualche tempo fa insperabili.
I farmaci immunoterapici stimolano il sistema immunitario a reagire contro il tumore ed esistono anche terapie mirate che colpiscono precisi bersagli molecolari del melanoma, come proteine coinvolte nella regolazione della crescita cellulare derivanti da geni che nel cancro sono in forma mutata, come ad esempio il gene Braf. Terapie che si affiancano a quelle più tradizionali e utili soprattutto nei tumori in fase avanzata. E tante altre sono le cure in fase di sperimentazione, per fare in modo che, nonostante la continua crescita, il melanoma faccia sempre meno paura.
04.02.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La rivolta dei medici
contro il loro vertice
L'INCHIESTA

"Col telelavoro avremo
impiegati più motivati"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'Emmental migliora
con il rock e Mozart
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il sogno globalista
sulla "via della seta"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La labile ideologia
dei nuovi terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
a Londra marcia
per un nuovo
referendum

Gilet gialli,
un sabato
tranquillo