function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Gli anziani abusano e i giovani "sballano" con le medicine
Immagini articolo
Farmacodipendenza,
"malattia" senza età
CRISTINA GAVIRAGHI


Ci sono anziani che abusano dei medicinali perché più fragili e inconsapevoli e c’è chi, per stare meglio, scivola gradualmente nella farmacodipendenza. Ma c’è anche chi, deliberatamente, fa un cattivo e aberrante uso di pillole regolarmente prescrivibili.
Alcuni farmaci, se assunti ad alto dosaggio o anche in concomitanza con alcol o altre droghe leggere, hanno un effetto paragonabile a quello degli stupefacenti illegali, agendo sul sistema nervoso.
Euforia, eccitazione, crollo delle inibizioni, insomma il classico "sballo" può essere procurato anche dagli antidolorifici oppioidi. Molecole come l’idrocodone e l’ossicodone vengono assunte al posto di droghe illegali da una schiera sempre più numerosa di ragazzi che se le procurano tramite prescrizione medica o rubandole dall’armadietto dei medicinali di nonni e genitori. Senza contare poi il commercio su internet e l’esistenza di veri e propri pusher di farmaci.
Risale allo scorso anno, proprio in Ticino, il boom di vendita tra giovanissimi di uno sciroppo per la tosse da banco contenente codeina, un altro oppioide che, se miscelato a bibite gasate, porta allo "sballo". Una moda nata anni fa negli Usa che ogni tanto riaffiora anche a casa nostra e che ha costretto il farmacista cantonale a sconsigliare la vendita dello sciroppo ai minorenni. Persino un comune antidiarroico, la loperamide, a dosi più alte di quelle terapeutiche ha effetto sul sistema nervoso centrale provocando euforie e anche allucinazioni. Il suo uso come stupefacente ha indotto la Food and Drug Administration, l’ente governativo statunitense sui prodotti alimentari e farmaceutici usa, a diramare un’allerta in merito ai gravi rischi per la salute legati a un cattivo uso del farmaco.
Non c’è, infatti, solo il rischio di sviluppare dipendenza per queste sostanze. Esistono seri pericoli correlati agli effetti collaterali che un consumo smodato e fuori dalle indicazioni di questi farmaci può dare. Abbassamento della pressione, rallentamento del battito cardiaco, diminuzione della trasmissione nervosa, deficit di memoria, attenzione e coordinazione motoria, il tutto ancor più aggravato dall’eventuale assunzione anche di alcol, marijuana, hashish o altro. Tutti effetti potenzialmente molto pericolosi per la salute e l’incolumità dell’individuo. Ma agli occhi dei giovani questo passa in secondo piano rispetto a uno "sballo" che si può ottenere con sostanze facilmente reperibili, economiche e ritenute, proprio perché farmaci, più pulite e sicure delle droghe illegali. Un fenomeno, secondo gli esperti, purtroppo ancora sottovalutato.

c.g.
10.06.2018


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Fra Trump e Biden
sfida rivolta al passato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I morti viventi dell'Isis
scompaiono e riappaiono
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: 64 anni fa
la strage
nella miniera
di Marcinelle

Covid-19:
quarantena
"spagnola"
in Svizzera

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00