Con Gentlecare cala il pericolo di impasticcare gli anziani
Immagini articolo
C'è un altro modo
per assistere gli "over"
PATRIZIA GUENZI


Difficile gestire l’anziano irrequieto, che non dorme o che chiama il personale in continuazione. Se qualche anno fa ci scappava qualche goccia in più di tranquillante, ora c’è una sensibilità maggiore nei riguardi di questa fascia di popolazione. Chi lavora a stretto contatto con gli over 70 lo sa bene. Esistono molte alternative, prima di ricorrere alle benzodiazepine. "Esistono molti approcci di cure specifici e non farmacologici - spiega Guido Ongaro, caposervizio di geriatria all’ospedale San Giovanni di Bellinzona -. Potenziale le relazioni tra utenti e personale, o coinvolgere maggiormente i parenti. Ma anche la pet terapy si rivela un ottimo sostegno, come la musicoterapia e altre simili attività".
Si chiama Gentlecare: un nuovo modo di assistere il paziente affetto da demenza, che sta prendendo piede un po’ ovunque. In sostanza, accanto ai servizi tradizionali, si stanno sviluppando modelli che tengono conto di fattori biologici, psicologici e sociali. Creando, ad esempio, un ambiente armonico tra i malati attraverso uno spazio fisico adatto, attività quotidiane e persone di riferimento con le quali interagire. "Ma prima ancora bisogna fare una diagnosi accurata per distinguere se l’anziano è ansioso - riprende il dottor Ongaro -, se soffre di disturbi comportamentali o se è depresso. E ripeto, la cosa migliore è, prima di ogni altra, quella di sfruttare  misure non farmacologiche".
Eppure, non sempre funziona così. Numerosi studi clinici mostrano che le prescrizioni di benzodiazepine aumentano con l’età dei pazienti e spesso avvengono fuori dalle indicazioni omologate. Prescrizioni, non solo inappropriate, ma che possono avere conseguenze anche molto gravi e peggiorare considerevolmente il tasso di morbilità e di mortalità di questi pazienti. Con un utilizzo prolungato di queste sostanze, subentra una dipendenza fisica con crisi di astinenza nel momento in cui si cerca di diminuirne il dosaggio o di interromperne l’assunzione. "Ecco perché vanno utilizzati il minimo necessario", ribadisce il medico. E proprio la demenza, stando all’andamento demografico, sarà una delle sfide future più importanti. Il rapporto 2016 di Strategia cantonale sulle demenze indica che nel 2014 in Ticino vivevano oltre 6mila persone affette da demenza, il 19,5% ultra ottantenni, il 33,6% ultra novantenni. Ma con l’invecchiamento della popolazione, il numero di malati potrebbe quasi raddoppiare entro il 2035, sino a 11mila pazienti.

p.g.
10.06.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin