function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




L'opinione di Grazia Attili, docente di psicologia sociale
"Non è la passione
a far durare l'amore"
ROSELINA SALEMI


Grazia Attili, docente di psicologia sociale, nel saggio "Il cervello in amore" (Il Mulino) ha un obiettivo: per togliere di mezzo l’equivoco tra passione e amore, che secondo lei, orienta molte relazioni, soprattutto la dinamica dei siti di incontri.
Che cosa c’entra la dopamina con Tinder?
"Esiste una forte somiglianza tra amore e disturbo ossessivo-compulsivo durante la prima fase, uno stato di alterazione che corrisponde al far follie: non senti il dolore, accetti sfide impossibili, perdi la lucidità (i lobi frontali lavorano meno). Quando finisce, perché il cervello non può vivere in uno stato di eccitazione permanente, molte coppie si lasciano. E cercano un altro/a per provare farfalle nello stomaco, batticuore, desiderio incontrollabile. Hanno bisogno di dopamina. Credono che l’amore sia tutto lì. Se durasse, sarebbe un rapporto malato".
Quello sano invece com’è?
"Deve passare a una fase successiva. Purtroppo l’immaginario collettivo è nutrito da film, musica e spot che riducono l’amore a una tossicodipendenza passionale. Ricordo una pubblicità: ‘Noi lo facciamo anche sul frigorifero’. L’allusione era chiara, ma il soggetto era uno sconto. Però, tanti pensano che l’amore sia ‘farlo dappertutto’. La dopamina è l’inizio. È con l’intimità, con l’ossitocina, l’ormone della felicità, con la fiducia, che la relazione si consolida. Allora possiamo chiamarlo amore, ma dobbiamo dargli tempo".
È la fine del romanticismo?.
"Siamo dei pacchetti biologici, il che non significa togliere poesia o capacità di decidere. Siamo programmati per provare certe emozioni funzionali, ma siamo anche un sistema di valori, gruppo di appartenenza, cultura. Siamo attratti da uomini forti e donne in grado di fare figli, da Dna diversi, simmetrie, odori, ma ci sono scelte che spettano ancora a noi".
C’è ancora qualcosa da scoprire?
"Molte cose. Per esempio perché gli uomini e le donne amano diversamente. Quello che sappiamo sull’amore non crea in provetta le condizioni perché accada. Possiamo conoscere tutti gli ingredienti di una torta al cioccolato, però mangiarla resta sempre un’esperienza meravigliosa".
17.06.2018


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Fra Trump e Biden
sfida rivolta al passato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I morti viventi dell'Isis
scompaiono e riappaiono
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: 64 anni fa
la strage
nella miniera
di Marcinelle

Covid-19:
quarantena
"spagnola"
in Svizzera

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00