Linfociti modificati per uccidere le cellule cattive
Immagini articolo
Super soldati ingaggiati
per combattere i tumori
ANTONINO MICHIENZI


È l’ottobre del 2011. Emily Whitehead, una bambina americana di 6 anni, sta combattendo da più di un anno con la leucemia linfoblastica acuta, il tumore del sangue più frequente nei minori. Quattro pazienti su cinque riescono a sconfiggere questo tumore con un lungo ciclo di chemioterapia. Ma non è il caso di Emily. Comincia così un secondo ciclo di trattamento più aggressivo. Ma anche questo è inefficace.
È a quel punto che la famiglia Whitehead si rivolge al Children’s Hospital of Philadelphia dove sta per partire la sperimentazione di un trattamento rivoluzionario mai provato prima sui bambini. Emily è idonea ed è la prima bambina a provarlo. I primi giorni sono un inferno: Emily rischia di morire per gli effetti collaterali ancora ignoti della nuova cura. I medici però riescono a vincere la partita a scacchi con la malattia. Due settimane dopo il trattamento la bambina festeggia il suo settimo compleanno e lo scorso 20 aprile ha celebrato i suoi primi 6 anni dalla guarigione.
La storia di Emily sembra una favola. Ma è la realtà e racconta dell’ultima frontiera della lotta al cancro che riunisce in un unico intervento decenni di ricerca su diversi fronti: dall’oncologia all’immunologia fino alla terapia genica. Quella a cui è stata sottoposta Emily è comunemente definita Car T o immunoterapia a cellule T e consiste in uno speciale trattamento personalizzato in cui una specifica famiglia di cellule del sistema di difesa immunitario del paziente (i linfociti T, dei veri e propri soldati che ci difendono dalle aggressioni esterne come le infezioni) vengono prelevati, modificati e successivamente infusi nuovamente per riconoscere e aggredire il tumore. È come "dare a un paziente un farmaco vivente", ha spiegato uno dei pionieri di questo campo di ricerca Renier J. Brentjens del Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York. Un farmaco che viene costruito di volta in volta in un processo che richiede diverse settimane.
Il primo passo è il prelievo dei linfociti T che vengono separati dal sangue del paziente. A quel punto i linfociti T sono modificati in laboratorio con sofisticati processi di ingegneria genetica. Lo scopo è quello di aggiungere sulla loro superficie una particella capace di riconoscere da una precisa caratteristica (definita antigene) le cellule tumorali e di "aggrapparsi" a esse. Così i linfociti diventano super-soldati capaci di uccidere le cellule tumorali riconoscendo uno specifico punto debole. Dopo essere state fatte moltiplicare, le cellule vengono iniettate nuovamente nel paziente dove cominciano ad aggredire il tumore. Come mostra la storia di Emily, i risultati sono straordinari. Ma per ora la Car T è disponibile (solo in Usa) soltanto per curare la leucemia linfoblastica acuta neo bambini e alcuni linfomi negli adulti.
La ricerca, intanto, sta cercando varianti della tecnica che possano renderla efficace in altri tumori. È una strada lunga, ma che comincia a produrre qualche frutto. È recentissima la pubblicazione sulla rivista Nature Medicine del caso clinico di Judy Perkins, una cinquantenne americana con un cancro al seno in fase terminale. I medici non le avevano dato più di due-tre mesi di vita quando è entrata in una sperimentazione che prevedeva l’uso di un approccio nuovo. Il tumore e le cellule del sistema immunitario di Judy vengono sottoposte ad analisi genetica. Poi vengono selezionate solo le cellule che hanno la capacità di riconoscere quelle tumorali e ucciderle. Fisiologicamente sono molto poche ed è per questo che il cancro prende il sopravvento. Ma i ricercatori le estraggono e le moltiplicano in laboratorio. Poi le iniettano nuovamente nel corpo di Judy dove, aiutate da un mix di farmaci, riescono a sconfiggere il cancro. La terapia funziona a la donna da due anni non presenta segni di malattia. "Miglioriamo ogni giorno che passa", dice uno degli autori della sperimentazione, Steven Rosenberg del National Cancer Institute americano.
C’è però un’amara verità: la strategia che ha curato con successo Judy si è dimostrata completamente inefficace in altre due pazienti. Ed è questa ora la sfida più grande: far sì che l’immunoterapia a cellule T possa diventare una terapia per tutti i pazienti con cancro e non solo per un piccolo gruppo di malati.
01.07.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur