I nuovi farmaci oncologici promettono buoni risultati
Immagini articolo
Gli "immunoterapici"
allungano la vita
ANTONINO MICHIENZI


Il cancro non sarebbe il terribile killer che tutti conosciamo se non avesse la capacità di ingannare il nostro sistema di difesa immunitario e sfuggire così ai suoi attacchi. Da tempo la ricerca lavora per disinnescare questa abilità del tumore risvegliando il sistema immunitario e spingendolo a contrastare il nemico.
E finalmente ci sta riuscendo. Da qualche anno sono disponibili nuovi farmaci che rimettono in moto la capacità dell’organismo di battersi contro il tumore agendo sugli interruttori che hanno il compito di accendere o metterle a riposo alcune cellule del sistema immunitario (i linfociti T). Per la loro capacità di agire sul sistema immunitario questi medicinali vengono definiti immunoterapici o immuno-oncologici. I primi farmaci di questo tipo sono stati usati per il melanoma e ne hanno rivoluzionato la terapia. Fino a dieci anni fa chi riceveva una diagnosi di melanoma metastatico aveva in media un’aspettativa di vita di circa 6-9 mesi e meno di un paziente su 4 sopravviveva almeno un anno dalla diagnosi.
Con l’avvento dei nuovi farmaci immunoterapici il 70% dei pazienti è vivo a un anno e 1 su 5 vive almeno 10 anni dopo la diagnosi. Dal 2011 sono stati approvati soltanto una manciata di farmaci immunoterapici (6 negli Usa), ma sono stati sufficienti a cambiare le modalità di trattamento di diversi tumori: oltre che del melanoma, di alcuni tumori del polmone, del rene, della vescica, dello stomaco, del fegato. Ciò non significa che questi farmaci consentano di guarire del tutto dalla malattia, ma prolungano (in molti casi di molto) l’aspettativa e la qualità di vita dei pazienti.
Mentre aumenta il numero di farmaci immuni-oncologici e i tumori su cui si dimostrano efficaci, però, c’è un problema con cui i ricercatori si stanno scontrando: solo una parte dei malati risponde a questi nuovi trattamenti. Così, la più importante innovazione degli ultimi anni nella lotta al cancro rischia di creare malati di serie A che possono godere di trattamenti molto efficaci e malati di serie B a cui tocca rassegnarsi alle vecchie e spesso inefficaci terapie.
Annullare questo divario sarà la sfida dei prossimi anni e non è un caso se a questo argomento sia stato dedicato il discorso inaugurale del congresso annuale della Società americana di oncologia clinica (Asco) tenutosi in questi giorni a Chicago. "La promessa della medicina di precisione è valida solo nella misura in cui saremo capaci di rendere questi trattamenti disponibili a tutti i pazienti", ha detto il presidente dell’Asco Bruce E. Johnson.A questo si sta lavorando in tutto il mondo. L’approccio che nell’immediato sembra il più promettente è quello usare i farmaci immuno-oncologici con altre strategie di trattamento, come la chemio, oppure di combinarli tra di loro. Gli studi presentati in questi giorni dicono che è un approccio può dare frutti: nel caso del tumore al polmone metastatico, per esempio, usare insieme la chemioterapia e un farmaco immunoterapico quasi raddoppia l’aspettativa di vita rispetto alla sola chemio; risultati simili si stanno ottenendo con altri tumori.
"Tuttavia - ha detto Johnson, che è sì un oncologo ma anche un paziente che combatte da sei anni con un tumore alla prostata - se vogliamo veramente espandere le ricadute della medicina di precisione abbiamo ancora molto da fare".

a.m.
01.07.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin