Distruggere a tappeto le cellule resta una cura efficace
"Anche dopo 60 anni
la chemio è vincente"
ANTONINO MICHIENZI


È  la terapia più odiata e temuta, al punto che c’è chi rinuncia a sottoporvisi rischiando la vita. È quella che nell’immaginario è più associata al cancro per i suoi devastanti effetti collaterali. Quella che all’arrivo di ogni nuovo farmaco tutti sperano di mettere in soffitta.
Eppure, nonostante siano passati esattamente 60 anni da quando è stata messa a punto la prima terapia di combinazione per curare la leucemia, la chemioterapia è ancora oggi il caposaldo nel trattamento di quasi tutti i tumori: seno, polmoni, intestino, cervello. In questi, come in altri tumori, non possiamo fare a meno della chemio.
La chemioterapia ha l’efficacia di un bombardamento a tappeto sull’organismo. Una volta che i farmaci chemioterapici raggiungono il flusso sanguigno uccidono le cellule sfruttando un loro momento di vulnerabilità: la fase in cui si stanno moltiplicando. Deriva da ciò l’efficacia contro il cancro: le cellule tumorali, infatti, a differenza delle cellule sane, si moltiplicano vorticosamente. Tuttavia, anche alcune cellule sane si riproducono molto frequentemente: quelle dei capelli, del midollo osseo, della pelle e delle mucose dell’apparato digerente. Anche queste cellule sono vittime dei farmaci chemioterapici ed è a questo fenomeno che sono dovuti i suoi principali effetti collaterali (la caduta dei capelli, per citare solo il più evidente).
La gran parte dei farmaci chemioterapici hanno diversi anni sulle spalle. È sbagliato, però, pensare che i regimi chemioterapici usati oggi siano gli stessi del passato. Anche in questo campo c’è un’intensa attività di ricerca finalizzata a rendere quanto più efficace possibile il trattamento riducendone gli effetti collaterali.
E ancora oggi la chemio riesce a dare risultati inattesi. Lo scorso anno, per esempio, uno studio condotto su 700 pazienti in tutta Europa ha dimostrato che aggiungendo un secondo farmaco chemioterapico al trattamento standard per uno dei tumori con minori possibilità di cura (quello del pancreas) si riesce a regalare al paziente qualche mese di vita in più.
Se qualche mese sembra poco, non altrettanto si può dire dei 5 anni di vita in più dati ai malati di glioma (un gruppo di tumori cerebrali). Secondo una sperimentazione pubblicata sul New England Journal of Medicine nel 2016 è questo il vantaggio che si può ottenere se, oltre alla radioterapia (che era il trattamento standard), i malati ricevono anche la chemio.
Non è la guarigione, ma è un progresso enorme. Che si deve ancora alla vecchia e terribile chemioterapia.

a.m.
01.07.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin