L'oncologo Franco Cavalli sul rischio assuefazione
"Chi inizia con l'e-cig
va dritto al pacchetto"
ANDREA BERTAGNI


Si chiama "riduzione del danno" e in Inghilterra ne hanno fatto una bandiera. È la politica sanitaria che prevede la sostituzione della sigaretta classica con quella elettronica. Con l’obiettivo di diminuire i rischi di mortalità prematura causati dal tabacco. "L’e-cig in effetti è meno dannosa della sigaretta tradizionale - spiega Franco Cavalli, direttore  scientifico dell’Istituto oncologico della Svizzera italiana (Iosi) - e per un fumatore che non riesce a smettere è sicuramente una buona soluzione, uno strumento che vale la pena sperimentare". Tutto questo, anche se lo svapo non è al 100% non nocivo. "Una certa dannosità c’è, è inutile girarci intorno - riprende Cavalli - anche se, a mio parere, è presto per poter dare una risposta definitiva, non esistendo per il momento ancora studi di lunga durata sui possibili effetti nocivi".
Tutto bene, quindi? Non proprio. La sigaretta elettronica dà assuefazione. Detto altrimenti, avverte Cavalli "chi inizia con l’e-cig tende a passare a quella vera. Quindi, in questo senso, è assolutamente da sconsigliare, perché potenzialmente apre le porte al tabacco". Soprattutto tra i giovani. Come evidenziano i dati americani, secondo cui tra il 2011 e il 2015 l’utilizzo tra gli adolescenti dei vaporizzatori è aumentato di quasi nove volte. Anche in Italia, dove, nonostante i divieti, circa il 4% dei fumatori tra i 14 e 17 anni ha ammesso, tra una sigaretta "vera" e l’altra, anche di svapare.  
Vero è però che quei Paesi - come Inghilterra, Svezia, Norvegia, Islanda e Francia - che hanno deciso di promuovere la sostituzione della nicotina con il vapore hanno abbassato di almeno il 15% la quota dei tabagisti. Svapare, insomma, conviene. "Per chi fuma assolutamente sì - ribadisce Cavalli -, non dimentichiamoci infatti che la sigaretta causa, da sola, il 30% di tutti i tumori, oltre ad altri problemi a livello cardio-circolatorio. È il killer più pericoloso". Nel fumo di tabacco sono infatti contenute più di quattromila sostanze tossiche. Chi fuma un pacchetto al giorno assorbe in un anno l’equivalente di una tazza di catrame e in vent’anni sei chilogrammi di particelle di polvere.
Comunque sia, non dimentichiamo che un’alternativa c’è sempre: smettere di fumare. Una soluzione difficile, se confrontata con le probabilità di successo. Ma vale la pena provarci. Molto dipende dalla convinzione e dalla forza di volontà del fumatore. Intanto, il 47% degli svizzeri fuma sigarette regolarmente o saltuariamente, anche se la metà si dice consapevole delle conseguenze.
18.11.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"Su Argo 1 il governo
ha delle responsabilità"
L'INCHIESTA

Interessi immobiiari
dietro i milioni in pista
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La giovane Greta
contro le energie fossili
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Otto appuntamenti
nel mondo che muta
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
10.12.2018
Monte Mondada/Spruga-Onsernone - coordinate 686/117 - Predazione 1 capra
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ungheria
di nuovo
in piazza
contro Orban

Messico:
65 morti
durante furto
di combustibile