Perché le sigarette elettroniche non sono innocue
Immagini articolo
Svapare sarà "cool"
ma fa male alla salute
ANDREA BERTAGNI


Meno innocue delle sigarette normali, ma comunque nocive. Perché contengono sostanze cancerogene e invogliano i giovani a fumare. Non si spegne il dibattito sulle e-cigarette, la nuova frontiera del tabagismo. Anzi, vapagismo. Visto che si svapano. Anche se si inalano e si espirano come le "bionde" più tradizionali. Ma al posto del fumo, c’è il vapore. Un miscuglio di glicerina e glicole propilene che le ultime ricerche hanno dimostrato avere un effetto tossico. Perché composto da polveri fini, formaldeide e metalli pesanti, come nichel, cromo, argento e titanio.  "Che le e-cig siano meno nocive del tabacco è evidente - osserva Alberto Polli, presidente dell’Associazione svizzera non-fumatori -. Non c’è combustione, ciò non toglie che siano comunque pericolose". Il motivo è presto detto. "Sono un incentivo per iniziare a fumare, soprattutto tra i giovani che le hanno fatte diventare un po’ una moda". Polli ne è convinto. Il pericolo è in agguato. Anche perché il messaggio che normalmente accompagna le sigarette elettroniche è che non sono dannose.
Comunque sia, Altria, il produttore delle Marlboro, ha recentemente sospeso la vendita delle e-cig. Una decisione, riportano i media americani, legata alla crescente attenzione delle autorità di regolamentare tali prodotti per la loro diffusione tra i giovanissimi. "In Svizzera invece la legislazione non è definita - riprende Polli -, per il momento sono equiparate alle sigarette normali". Di più se ne saprà con ogni probabilità tra qualche mese quando alle Camere federali arriverà un disegno di legge specifico. Quel che è certo è che oggi a livello legislativo c’è una zona grigia. Che non chiarisce a sufficienza dove è consentito svapare e dove no.
A battersi a favore della nuova frontiera del tabagismo è invece l’Associazione svizzera degli utilizzatori di vaporizzatori personali Helvetic Vape, di cui Patrizia Cavalli è portavoce. "Studi che dimostrano la tossicità della sigaretta elettronica vengono pubblicati ciclicamente - sottolinea -, ma ogni volta ci si dimentica di dire quanto sia molto meno dannosa di quella  tradizionale. Certo, contiene qualche impurità l’e-cig, non lo nego, ma secondo noi ogni volta bisognerebbe guardare la questione nel suo complesso". E spiega: "In Inghilterra sono anni che si promuove la sigaretta elettronica per combattere la dipendenza da nicotina. Risultato: ogni anno smettono di fumare  tra le 18mila e le 50mila persone e passano all’e-cig. Lo ammetto, non svapare sarebbe meglio, ma se l’alternativa è continuare a fumare converrete che sia meglio così". Cavalli è così convinta che non si fa problemi a giudicare inopportune e allarmistiche alcune ricerche. "La formaldeide c’è, mica lo nego, ma è poca cosa rispetto al tabacco. Svapando - dice - viene comunque eliminato il 95% della tossicità normalmente presente in una sigaretta".
Helvetic Vape critica pure l’approccio normativo oggi esistente nel nostro Paese. "Le sigarette elettroniche - dice Cavalli - sono oggi inquadrate nella legge sul tabacco, pur non essendo un prodotto derivato. Siamo quindi dell’idea che andrebbero disciplinate diversamente: non come fa l’Unione europea per intenderci. Tanto più che non siamo obbligati a seguire le direttive dell’Ue". an.b.
18.11.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14