Continuano a diminuire i parti negli ospedali ticinesi
Nel 2017 poche nascite
ma quest'anno di meno
ANDREA STERN


È ormai da sei anni consecutivi che in Ticino si registrano più decessi che nascite. L’anno scorso, con 2774 neonati e 3230 persone passate a "miglior vita2, il cantone ha registrato il peggior saldo naturale a livello nazionale. E quest’anno sta andando ancora peggio. Nei primi nove mesi dell’anno sono nati solamente 1837 bambini, 139 in meno rispetto allo stesso periodo del già scarsamente fecondo 2017. Il trend sembra inarrestabile, nonostante i timidi tentativi dello Stato di incentivare le nascite. Ognuno può avere le proprie spiegazioni su questo continuo calo della fertilità, che tocca il Ticino in modo  particolarmente marcato, ma anche tutto il resto del mondo occidentale. Il rapporto Global Burden of Disease (Gbd) pubblicato sulla rivista Lancet evidenzia che oggi in quasi la metà dei Paesi del mondo (91) il numero di figli è insufficiente a garantire l’attuale numero di abitanti. Se dal 1950 a oggi la popolazione mondiale è quasi triplicata, è quindi solo a quell’altra metà di Paesi, quelli meno benestanti, dove il tasso di fecondità continua ad essere elevato, se non ad aumentare. Come in Niger, Paese dove si fanno più figli al mondo, 7,1 per donna. In Ticino la media è di 1,33 figli. Meno di un terzo rispetto al 1880, quando la media era di 4 figli per donna. Quell’anno nacquero 4021 bambini. Eppure la popolazione ticinese era di soli 132mila abitanti, pochissimi rispetto ai 354mila di oggi.
02.12.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La rivolta dei medici
contro il loro vertice
L'INCHIESTA

"Col telelavoro avremo
impiegati più motivati"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'Emmental migliora
con il rock e Mozart
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il sogno globalista
sulla "via della seta"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La labile ideologia
dei nuovi terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
a Londra marcia
per un nuovo
referendum

Gilet gialli,
un sabato
tranquillo