Il racconto di due mamme che hanno partorito in casa
'La differenza è enorme
un'esperienza unica'
ANDREA STERN


Alla fine si è convinto anche suo marito, medico. "Ha detto che è stata l’esperienza più straordinaria che ha vissuto" racconta Roberta Cantarelli, madre di quattro figli. I primi tre sono nati in clinica, il quarto a casa, nove mesi fa. "Ho sempre avuto il desiderio di partorire a domicilio – spiega -. Ma la prima figlia è nata prematura, quindi la clinica è stata una scelta obbligata. I due parti seguenti sono andati bene e quindi per il quarto figlio sono riuscita a vincere la resistenza di mio marito". Con grande gioia per tutti. "Per me è stato bellissimo stare in un ambiente familiare, tra le luci soffuse, aiutata da una levatrice che conoscevo già bene e che quindi sentivamo tutti come una persona di famiglia – racconta -. La sera eravamo qui a ridere e scherzare, poi alle due di notte è nato il bambino, nella piscinetta della sala giochi. Il mattino dopo quando i più grandi si sono svegliati hanno trovato il loro fratellino, come un regalo. E abbiamo ripreso a ridere e scherzare". Tutto semplice, tutto armonioso. "La differenza con i parti precedenti è stata abissale – afferma -. In clinica, a parte i controlli assidui, c’era un gran vociare, movimento, rumori, persone che comparivano senza che le avessi mai viste prima. Nell’intimità di casa mia è stata tutta un’altra cosa. Dovessi avere altri figli, rifarei sicuramente questa scelta".
Non vede l’ora di ripetere l’esperienza del parto a domicilio anche Martina Medolago, che cinque mesi fa ha messo al mondo la sua prima figlia. "Non sapevo bene cosa aspettarmi - spiega -, volevo solo che una cosa così naturale come una nascita avvenisse nell’intimità di casa". Una volontà ampiamente ripagata. "È stato tutto così spontaneo, mi sono sentita completamente a mio agio - racconta -. Ho potuto gestire il parto da sola, senza nessuna intromissione. La levatrice è stata una presenza rassicurante ma non invasiva, mi ha lasciato agire come meglio mi sentivo". E un aiuto è giunto anche dalla figlia. "Nell’immaginario comune si pensa che il neonato, finché è nella pancia, non sia partecipe - afferma -. Ma non è vero, tra noi due comunicavamo, ci siamo aiutate a vicenda. È stata un’esperienza straordinaria e sono felice di avere avuto le condizioni giuste per viverla appieno".
02.12.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur