Il Monopoly ticinese visto da Mauro Dell'Ambrogio
Immagini articolo
"La fortuna non basta
ci vuole competenza"
CLEMENTE MAZZETTA


Il Monopoly nell’ultima versione canton-ticinese, con le tradizionali caselle occupate dalle città, dalle industrie, dai paesaggi più suggestivi del cantone, dai giornali - il Caffè e la Tessiner Zeitung - è anche metafora dei rischi da evitare e delle chances da cogliere per mantenere (e accrescere) lo standard socio-economico del Ticino. "Nel gioco, come nella vita di ognuno di noi, ma anche del cantone, la fortuna riveste un ruolo importante", dice Mauro dell’Ambrogio, segretario di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione. Ma non basta accontentarsi del risultato dei dadi per agguantare nuove opportunità. Conta la strategia, l’applicazione, la formazione.
"Il risultato, il destino individuale e del cantone dipende da una somma di capacità e di volontà - aggiunge Dell’Ambrogio -. Fino a quando i talenti, le persone più capaci, dotate di spirito imprenditoriale, avranno voglia di restare e  di fare, il Ticino avrà le possibilità delle migliori regioni svizzere".  Ovvero, sono i giocatori che fanno la partita. Se questi sono scarsi, se i migliori vanno all’estero, si scenderà inevitabilmente di categoria. E per il Ticino comincerà il declino. Dell’Ambrogio considera certi atteggiamenti protezionistici, come la difesa ad oltranza di alcuni settori, dei lavoratori indigeni,  quel "prima i nostri" un imprevisto. Come sempre di buone intenzioni è lastricato l’inferno. Possono far perdere un giro. Si resta fermi mentre le altre regioni svizzere progrediscono.  E allora cosa occorre per garantire una ragionevole possibilità di successo nella partita del Monopoly ticinese?  "Un buon investitore deve cominciare facendo un’intelligente ripartizione dei rischi. Investire tutto su un solo obiettivo può andare bene, ma anche molto male".   
Morale: il Ticino dovrebbe guardare al futuro giocando su più tavoli. "Puntare su una buona dose di sviluppo turistico, ma anche di tecnologie innovative, dando più peso all’industria d’esportazione anche culturale, rispetto l’attività tradizionale che per il nostro cantone è stata soprattutto l’edilizia". Essere competitivi su più fronti, non prigionieri di una monocultura industriale. "È ora di fare un salto culturale, evitando di puntare tutte le nostre possibilità su un solo settore, come quello bancario o edilizio. Non è proteggendo l’industria della costruzione con strumenti come la Lia che faremo la ricchezza dei ticinesi di domani. Bisogna invece diversificare prestando attenzione a quelle che saranno le attività e le professioni del futuro". Servizi, nuove tecnologie, nuove professioni. "Fra le opportunità a disposizione delle nuove generazioni oggi abbiamo ampie possibilità di formazione professionale e universitaria grazie alla strategia perseguita in Ticino negli ultimi 25 anni.Trent’anni fa l’impiego normale pagato dalla Confederazione era quello nelle poste, nelle dogane, nelle ferrovie, nelle piazze d’armi. Oggi un centinaio di milioni arrivano per la formazione superiore e la ricerca scientifica".

c.m.
(3 - fine / Le altre puntate sono state pubblicate il 18 e il 25 novembre)
02.12.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è