La psicologa e le difficoltà dei papà non biologici
"Sono eroici quei padri
che ricercano la verità"
ROSELINA SALEMI


Dietro l’impersonale scansione del Dna ci sono storie di sentimenti feriti, bambini rifiutati, donne in equilibrio precario. "Quando un uomo chiede un test di paternità, è chiaro che la coppia non sta bene, che il rapporto si è già incrinato. Dopo, prevale la rabbia per l’inganno, la fiducia è perduta, lo storytelling della famiglia viene riscritto". A parlare così è la psicologa Stefania Andreoli, direttrice della collana Fabbri "Una fiaba per ogni emozione", che rivisita titoli classici per aiutare bambini e genitori ad affrontare i sentimenti.
"Qualcuno ha mentito a qualcun altro. Non è solo una questione di letto, è la fine della vita che credevi di avere - riprende -. Da un crash del genere non si salva nessuno, né la donna traditrice che perde credibilità anche come madre, né l’uomo, che riparte da ground zero, rischiando la depressione. In questo disastro i figli rischiano di venire per ultimi, ma la ferita è profondissima. Non sai chi sei, non sai come ti chiami. Se si scopre il padre biologico, dovrai cambiare cognome. La cosa peggiore è che il legame affettivo si recida definitivamente, lasciando senza risposta la domanda: chi è il padre? Chi ti mette al mondo o chi ti cresce?".
Nel caso delle adozioni la risposta è facile: prendi il figlio di un altro come tuo, lo sai. Il punto di rottura è la menzogna. "Molta gente - sostiene Andreoli - non fa l’amore o non lo fa con la persona con cui sta, ed è una verità che nessuno vuole affrontare. Trovo eroici i padri che cercano di sapere, purché comprendano quello che stanno facendo. Si può entrare in contatto con la realtà, esserne investiti, e accettare la sfida dell’autenticità contro il non detto e il suo carico di segreti. Rimanere nella vita di un figlio non biologico definirà la cifra del tuo essere padre. Ed è quello che conta: non la forma dell’orecchio, non la fossetta sul mento".
09.12.2018


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00