Una medicina personalizzata che predice le malattie
Immagini articolo
Terapie su misura
il paziente è unico
PATRIZIA GUENZI


La prospettiva del sistema sanitario è cambiata. Se prima gli esperti si concentravano sull’elaborazione di soluzioni generalizzate per la cura dei pazienti con uno stesso quadro diagnostico, tanto che se un preparato andava bene per gran parte delle persone doveva necessariamente andar bene per tutti, oggi le nuove tecniche di analisi genetica stanno facendo fare un salto di qualità alla medicina.
Una medicina sempre più personalizzata. Un approccio ad personam, grazie alla possibilità di sequenziare il Dna (la molecola che contiene tutte le informazioni genetiche di un individuo) che ha permesso la scoperta di numerosi geni portatori di diverse tipologie di patologie. Medicina predittiva, viene definita, una branca della medicina che attraverso un preciso approccio diagnostico ha la possibilità di predire il rischio di insorgenza di una patologia in un individuo sano. E proprio sulla medicina predittiva ha deciso di investire anche l’Ente ospedaliero cantonale (Eoc) aprendo a inizio anno il primo Servizio di genetica medica del cantone, inserito nella struttura dell’Istituto oncologico della Svizzera Italiana (Iosi). "Molte patologie hanno una causa genetica, dall’epilessia nell’adulto alla rottura dell’aorta al tumore al seno", spiega Alessandra Ferrarini, specialista in genetica medica e pediatria, responsabile del Servizio.
In sostanza, col tempo si è arrivati a comprendere la necessità di trovare soluzioni diverse per lo stesso problema medico. Non tutti i pazienti infatti reagiscono nel medesimo modo se gli viene somministrato lo stesso farmaco. Occorre tener conto delle differenze individuali attraverso strategie di prevenzione e cure personalizzate. Ed è il compito del nuovo Servizio di genetica medica dell’Eoc: dedicarsi allo studio e alla diagnosi delle malattie con radici genetiche nei diversi ambiti della medicina, come l’oncologia, la pediatria, la ginecologia, la cardiologia, la neurologia, l’endocrinologia e la nefrologia. "Ogni branca della medicina ha i vari capitoli delle malattie, tra cui anche quello della genetica", osserva Ferrarini.
Entro il 2025, i ricercatori avranno sequenziato tra i 100 milioni e i 2 miliardi di genomi umani. Un enorme lavoro che porterà ad uno straordinario vantaggio per la salute di tutti e che cambierà per sempre la prospettiva della medicina. Se nel sistema tradizionale la cura si orienta agli interventi di crisi acuta, quando la malattia è già conclamata e spesse volte irreversibile, le nuove strategie elaborano strategie mediche e trattamenti ad hoc, su misura. Perché oggi la genetica medica non è più solo associata a popolari scoperte scientifiche o, a volte, a scenari futuristici, ma in realtà ha trovato un utilizzo più ampio. Tra le alterazioni della sequenza del codice genetico più conosciute figurano la fibrosi cistica e la sindrome di Down, la cui causa più comune è la presenza in tre copie del cromosoma 21.
È stato il Progetto Genoma Umano, primi anni Duemila, a dare l’avvio ad una nuova era per biologia e medicina, che gli esperti definiscono "post-genomica": l’integrazione di tutta una serie di informazioni genetiche e genomiche che hanno dato la svolta verso la medicina di precisione. Uno dei settori maggiormente coinvolti è l’oncologia: l’applicazione di tecnologie di biologia molecolare ha favorito notevoli progressi oltre ad una distinzione precisa e una diagnosi precoce per alcune forme di cancro.

pguenzi@caffe.ch
17.02.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Per ora fare il pieno
costerà a tutti di più
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Spagna: studiava
per colpire,
arrestato jihadista

Germania, accordo
con il Messico
per reclutare
infermieri

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00