I 12-15enni sottovalutano i pericoli di postare foto osé
Immagini articolo
S'abbassa sempre più
l'età di chi fa sexting
PATRIZIA GUENZI


Gaia ha 13 anni. Ha partecipato alla ricerca "La sessualità nell’era digitale: gli adolescenti e il sexting 2.0", che ha coinvolto ragazzini 12-15enni. Alla domanda "cosa significa il termine sexting?", la ragazzina ha detto "Mah… so solo che dentro c’è ‘sesso’, ecco questo è quello che ho capito". Una risposta, la prima di una serie di domande su motivazioni, rischi, prevenzione, leggi, che la dice lunga su quanto confuse siano le informazioni dei 12-15enni svizzeri sul sexting. Di cui poco o nulla conoscono, men che meno le derive e le drammatiche conseguenze. "Non ho nessuna idea - dice un’amica di Gaia -. Si tratta di fare un nudo quindi?". E un compagno: "Non è intelligente inviare. Bisogna mostrare tutto in faccia".
Eppure, il sexting li coinvolge sempre più. Secondo i dati James 2016 sull’utilizzo dei media da parte dei giovani, il 98% dei 12-19enni possiede uno smartphone, il 94% è iscritto almeno ad un social e il 10% dei 12-15enni ha già inviato una propria foto o video provocante/erotico e oltre la metà di loro ne ha già ricevuti. Evidente, quindi, quanto lo sviluppo sociale e relazionale degli adolescenti e dei giovani adulti oggi avvenga soprattutto attraverso la Rete. Lo studio "La sessualità nell’era digitale: gli adolescenti e il sexting 2.0" dell’Istituto universitario di medicina sociale e preventiva (Iumsp), completa una ricerca iniziata nel 2016 su 16-20enni e permette di stabilire efficacemente i diversi fattori di rischio e di protezione.
Tra i differenti termini utilizzati per definire il sexting, la maggior parte sono stati sexy, nudi e parti intime. E per determinare quanto il contenuto possa essere definito come nudo o sexting, "dipende, ci sono delle persone che hanno un abito leggero o trasparente". Affrontati pure gli aspetti più suggestivi, come le pose. "Si inarcano, si curvano… Lo fanno apposta, si piegano, così si vedono bene le cosce", risponde un ragazzino. Sia femmine che maschi  sollevato una differenza di genere in termini di immagini. Nel senso che quelle di una ragazza più facilmente entrano nella categoria dei nudi e del sexting. I ragazzi, invece, avrebbero meno margine, più difficile per loro inviare "qualcosa" di suggestivo. "Hanno davvero niente da mostrare o almeno quasi", osserva una 13enne. In riferimento a questa diversità di contenuti secondo il genere, sembra che un ragazzo sarebbe meno riconoscibile visto che è essenzialmente il suo sesso ad apparire nelle immagini/video.  Dice un 15enne: "La femmina invia i suoi seni, poi la maggior parte del tempo si vede un po’ il collo, i capelli. Ci sono anche altri indizi, un orologio o altre cose così".
In generale è emersa poca empatia nei confronti di quelle ragazzine che finiscono vittime di ricatti. Una 13enne dice: "Possono farlo sì ma non davanti ad uno schermo, possono farlo direttamente davanti al loro ragazzo". Curioso anche come gli interpellati si siano posti di fronte all’età. Tanti i pareri e discordanti. Alcuni considerano prudente aspettare di avere 16 anni, anche i 18, altri che pure prima si può fare benissimo. "A partire dai 12 anni sciocca meno - spiega una ragazzina di 15 anni - perché è l’età in cui più o meno si fa… Ma quando si è più giovani, quando si è più piccole non si è davvero consapevoli di ciò che si fa". E un coetaneo maschio replica: "A 13 anni non si dovrebbero fare queste cose. A 13 anni si dovrebbe ancora giocare ai Lego". Già.  p.g.
10.03.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Quel "Muro"di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2019
22.05.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 3 giugno prossimo
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è