Chi sono gli hikikomori che vivono "reclusi" in casa
Immagini articolo
Con la generazione H
i giovani in "letargo"
ROSELINA SALEMI


Ci sono gli hikikomori che vivono in una stanza, chiudono con il mondo reale e restano immersi in un universo tutto loro. Ci sono i neet che non studiano e non lavorano e si trascinando stancamente giorno dopo giorno. Due categorie di giovani sdraiati, un malessere che sta pian piano diventando una emergenza in una società che viaggia a ritmi altissimi, competitiva, dove non sono ammesse debolezze o fragilità. E chi le ha, chi perde un colpo, chi ha bisogno di più tempo viene tagliato fuori. E si autoesclude in un ritiro sociale che conta già numeri importanti. In Svizzera nel 2017 la quota di giovani inattivi dai 15 ai 24 anni che non seguivano né una scuola né una formazione, secondo i dati dell’Ufficio federale di statistica, era pari al 6,5%. Numeri importanti, anche se inferiori rispetto alla media dell’Unione europea che è del 10,9%. In Ticino i neet erano lievemente calati nel 2016 attestandosi all’8,5 per cento dei ragazzi dai 15 ai 29 anni per poi risalire sino a 9.4 per cento nel 2018.

I giapponesi hanno inventato per loro il termine  hikikomori (da hiku "tirare" e komoru "ritirarsi"). Nel 2015 erano stati registrati 540mila casi ma c’è chi valuta cifre molto più alte (oltre il milione e non soltanto giovani). I "ritirati", ragazzi fra i tredici e i vent’anni che non escono mai da casa, non studiano, non comunicano. Si sono "condannati" agli arresti domiciliari. Non vogliono avere contatti con un mondo che li rifiuta. E cominciano a essere tanti. In Italia la stima è di 100-120mila (lo psicologo Marco Crepaldi li ha fatti emergere con un sito dedicato), in Francia di circa 40mila, in Ticino si è parlato del fenomeno al Consiglio cantonale dei giovani e, due anni fa, ad un convegno promosso dall’Accademia di psicoterapia psicanalitica della Svizzera italiana.
Di questo fenomeno misterioso parla il romanzo di Laura Calosso "Due fiocchi di neve uguali" (Sem). Protagonisti: Carlo, che ha deciso di chiudersi in casa, e Margherita, che gli somiglia ma tenta di restare immersa nella vita. Ne parla soprattutto il saggio di Matteo Lancini, psicologo e psicoterapeuta, presidente della Fondazione Minotauro, in libreria da metà marzo da Raffaello Cortina: "Il ritiro sociale degli adolescenti. La solitudine di una generazione iperconnessa". Chi sono? Ragazzi nell’età delle grandi trasformazioni, tra la scuola media e l’Università. "Il bacino è ampio - spiega Lancini, - si tratta di quei due milioni e mezzo di neet, (di Not in Employment, Education or Training) tra i 15 e i 29 anni che non lavorano e non studiano". E non sempre chi vive accanto a loro riesce a valutare la gravità del problema. Nel nostro sistema, l’infanzia è sostenuta, c’è una grande costruzione di aspettative di crescita e successo personale. Poi l’infanzia finisce, il tuo corpo cambia, la tua "forma" viene giudicata. "Un episodio di bullismo o cyberbullismo fa crollare l’ideale. Non sei popolare - aggiunge  Lancini  - non accetti lo sguardo degli altri, soprattutto del gruppo dei pari che oggi è molto più forte della famiglia. Il ritiro scolastico non è mai improvviso, ma preceduto da una fase di assenze. Esci dallo sport, dagli scout e alla fine dalla scena sociale".
Molti pensano che Internet sia la causa della disconnessione, invece non è così. Secondo Lancini la relazione esiste (senza Internet il ritiro non sarebbe così diffuso) "ma gli hikikomori non stanno su social. Fanno del computer un uso piuttosto solitario. Giocano. Guardano video. Soltanto alla fine della terapia, alcuni hanno aperto un profilo".
La cura è difficile, possono volerci anni. Bisogna lavorare molto con le famiglie. "I ragazzi - spiega ancora l’esperto - negano la loro condizione, non ti parlano, non vengono da te. Se accettano, possiamo fare visite domiciliari, organizzare programmi di studio a casa, seguirli con un intervento clinico e una moderna terapia psicoanalitica. L’incontro con i coetanei, i genitori ci provano sempre invitando i compagni di scuola, è improponibile. Non c’è sessualità, non c’è contatto. I ritirati non hanno relazioni".
La domanda è: che cosa significa questo comportamento? C’è una ragione? "C’è una resa - sottolinea l’esperto -. Le difficoltà hanno portato alcune generazioni alla ribellione. Qui succede il contrario. Invece di farci la guerra, gli hikikomori si ritirano pacificamente, si sfilano da una competizione che diventa sempre più feroce. Nella società del sovranismo psichico, decidono di sparire".
24.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur