Il Laboratorio cantonale vuole avviare una formazione
Immagini articolo
Il Far West dei tattoo
troppi in Svizzera
PATRIZIA GUENZI


Chiunque può aprire uno studio di tatuaggi, si compera la macchinetta dai cinesi e via. Ma il rischio di fare danni è altissimo". Così dicono al Caffè alcuni tatuatori con anni e anni di esperienza sulle spalle, preoccupati soprattutto dal fiorire di studi in tutto il Paese. Mentre le autorità elvetiche sembrano sottovalutare i rischi, visto che ancora non obbligano i tatuatori ad avere un diploma né una licenza ufficiale per aprire uno studio. Gli unici cantoni ad aver legiferato per ora sono Berna e Neuchâtel, che non permettono di tatuare a domicilio e controllano regolarmente l’igiene e la serietà degli studi. "Mi sono sempre stupito di questa ‘libertà’ che la Svizzera concede - osserva Marco Bonacci, di Bonny tattooer a Lugano -. Eppure è una professione delicata e pericolosa". Pigmenti, conservanti, emulsionanti, sostanze chimiche, aromatiche... Il mondo dei tatuaggi nasconde parecchie insidie e veleni. Un mondo sempre più affollato. Una sorta di Far West vien da dire.
Per mettere un po’ di ordine e per tutelare la popolazione, Berna un anno fa ha obbligato i tatuatori a notificare la propria attività al rispettivo Laboratorio cantonale e a introdurre un sistema di autocontrollo. Laboratori che hanno il compito di vigilare. "Abbiamo fatto soltanto tre-quattro ispezioni - spiega al Caffè il direttore del Laboratorio cantonale, Marco Jermini -. Ci siamo fermati perché vorremmo avviare una formazione sulla falsa riga di quella che già esiste nella Svizzera tedesca. Purtroppo le due associazioni esistenti nel Paese, quella svizzera dei tatuatori e quella ticinese, non hanno trovato un accordo. Quindi siamo fermi".
Intanto, ci si affida all’autocontrollo. Sperando che i tatuatori siano persone professionali e serie. Che non si improvvisino. La professione richiederebbe regole chiare. Che ancora non ci sono, auspicate anche dalle varie associazioni di categoria. Il rischio di cadere nelle mani di un autodidatta che si improvvisa tattoo a domicilio è alto. Magari dopo aver comperato un kit su Internet. "Oggi l’associazione dei tatuatori professionisti presieduta da Luc Grossenbacher spinge i tatuatori ad avere l’etichetta di igiene, una sorta di certificazione che viene rinnovata annualmente - dice Fabio Poretti, tatuatore e titolare dello studio Bad Cat Tattoo e socio dell’associazione svizzera di categoria -. Esiste un obbligo di autocertificazione e ci sono una serie di liste di controllo dei pigmenti. La nostra associazione collabora con l’Ufficio federale di sanità per individuare e fissare le direttive adeguate in fatto di prodotti che si utilizzano e in fatto di igiene, per capire cosa fare esattamente. Un’esigenza questa che abbiamo sentito sin dal 1999-2000 quando sono nati i primi studi".  
Nell’attesa che il Laboratorio cantonale riprenda le ispezioni, attenzione, dunque, prima di "disegnarsi" la pelle. "Soprattutto durante le grandi fiere - avverte Jermini - dove i singoli stand non sono compatibili con la legge". Per verificare i prodotti utilizzati da uno studio esiste un elenco di inchiostri proibiti pubblicato sul sito dell’Ufficio federale della sicurezza alimentare. Infine, se le due associazioni non troveranno un accordo in tempi brevi, conclude Jermini, "sceglieremo noi con quale delle due collaborare. E se non funzionerà neanche così riprenderemo i controlli. Subito".

p.g.
24.03.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur