function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Il parere del medico infettivologo Christian Garzoni
"Soltanto il vaccino
salva dal morbillo"
PATRIZIA GUENZI


Hanno appena chiamato tre pazienti per chiedere cosa dovevano fare, se venire nel mio studio per fare il vaccino contro il morbillo fosse la cosa giusta". Il medico Christian Garzoni, specialista infettivologo, non si stupisce più di tanto per quella sorta di isterismo che ogni volta si scatena. "Purtroppo c’è ancora chi crede che la profilassi sia inutile. Così quando ci scappa il morto ci si rende conto che quello che noi medici andiamo ripetendo da sempre è fondamentale. Il morbillo è un’infezione tutt’altro che banale. Non si tratta di evitare qualche bolla rossa sul corpo ma di scongiurare il peggio".  
Già, come è possibile che ancora si muoia di morbillo in Svizzera? "È possibile sì, dato che la copertura vaccinale non è ottimale nel nostro Paese - riprende lo specialista -. Deve e può migliorare, visti anche gli altissimi standard svizzeri". A tutt’oggi il successo della Svizzera è piuttosto fragile, l’hanno dimostrato le due vittime.
Gli esperti infatti spiegano che l’eliminazione del morbillo sarà assicurata solo quando almeno il 95 per cento dei bambini e degli adulti nati dopo 1963 saranno vaccinati. "Ma con due dosi, non soltanto con una come si faceva ai tempi di chi oggi ha 40-45 anni. Altrimenti non basta", sottolinea ancora Garzoni.
Insomma, se tutti si vaccinassero, come viene fatto per il vaiolo, il morbillo sarebbe già sparito dalla Terra. A contribuire al parere fermamente contrario ai vaccini di molte persone è stato uno studio di qualche anno fa sulla presunta associazione della profilassi con l’autismo. "Studio che ha lanciato i ‘no vax’ - riprende il medico - e quindi molti genitori hanno iniziato a non più sottoporre alla profilassi i propri figli. Esistono perciò dei buchi di copertura che rischiano di rivelarsi fatali per le persone più fragili e immunodepresse".
12.05.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00