function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

La ricetta di una formula editorale di successo
Immagini articolo
La svolta del Guardian
tra inchieste e online
ALESSANDRO CARLINI DA LONDRA


Definirlo solo un giornale è riduttivo. Il Guardian Media Group (Gmg) è una piattaforma di contenuti, una "corazzata" dell’informazione capace di raggiungere milioni di utenti e portare avanti con loro un legame forte, schietto e diretto. Negli ultimi anni è passato attraverso una rivoluzione dei formati e una riorganizzazione interna con pochi eguali nell’editoria internazionale: da quotidiano della Gran Bretagna progressista è diventato un punto di riferimento globale, in Europa e anche negli Usa (dove nel 2014 ha vinto il Pulitzer con gli scoop sui documenti ottenuti dalla "talpa" Edward Snowden), di quanti rifiutano "fake news" e sensazionalismo nell’informazione per ricercare invece la verifica dei fatti, le inchieste sui "poteri forti", la credibilità delle fonti e in generale un giornalismo impegnato che tiene a distanza di sicurezza i politici pur ispirandosi a una moderna sinistra "mainstream". I risultati sono sotto gli occhi di tutti: di recente è stato annunciato il pareggio di bilancio dopo un coraggioso piano triennale. 
I cambiamenti erano inziati già con direttori lungimiranti, come Peter Preston e Alan Rusbridger. È stata però Katharine Viner, la prima donna alla guida del Guardian e del domenicale Observer, ad affrontare uno dei momenti più difficili e a uscirne con una ricetta di successo. Il crollo delle vendite dei giornali di carta, il drastico calo delle entrate pubblicitarie, la spietata concorrenza dei social media, hanno messo il gruppo editoriale di fronte a una sfida epocale. A problemi tanto gravi si è risposto con scelte altrettanto coraggiose. Prima di tutto i massicci investimenti nella versione online e, cosa più unica che rara nel panorama dell’editoria internazionale, si è andati avanti sulla via della gratuità dei contenuti sul sito theguardian.com, affiancandola però a un coinvolgimento diretto del lettore nella sopravvivenza della testata. È stato scelto un approccio no-profit, in linea con il messaggio affisso in calce a ogni articolo online: anziché stabilire un "paywall" per far pagare al pubblico la lettura del sito, il quotidiano londinese invita i lettori ad abbonarsi o a dare un contributo finanziario. 
Secondo gli ultimi dati forniti dalla direzione di Gmg al Caffè, il Guardian vanta ora 655 mila abbonati e 300 mila sostenitori che hanno versato una somma una tantum negli ultimi dodici mesi. La testata così può continuare sulla via della sua indipendenza, garantita dallo Scott Trust che la amministra senza alcuna ingerenza editoriale, evitando di chiedere soldi a magnati britannici o stranieri. Nella sua redazione, che vede una formidabile sinergia fra l’online e il cartaceo, si respira la continua ricerca della qualità informativa, in tutti i formati, inclusi quelli più rapidamente fruibili come le app per tablet e telefonini. Fra i cambiamenti storici intrapresi da Viner c’è stato anche il cambio di veste grafica del giornale. È stato scelto, per la testata nata a Manchester (come Manchester Guardian) nel lontano 1821 e solo molto più tardi trasferitasi a Londra, un formato compatto, di dimensione tabloid, che tuttavia non intende in alcun modo fare concessioni al sensazionalismo degli altri tabloid del Regno. Anche se le tirature si sono molto ridotte negli ultimi anni - si parla di 132.821 per il Guardian e 159.568 per l’Observer - i numeri dell’online continuano a crescere: in marzo, un mese record, i visitatori unici sono stati 163 milioni, con 1,35 miliardi di pagine viste. Il numero dei lettori regolari nelle varie piattaforme è aumentato del 40% dal 2016. Dati che spiegano come successo e qualità possano andare a braccetto anche nell’epoca dominata da chi la spara più grossa per aumentare i "click" e i "like".
08.09.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"Obiettivo 2050" è...
carbonio a livello zero
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
"Le navi delle ong
attirano i barconi"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La vita delle confraternite
gira alla roulette del destino
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
I movimenti verdi europei
colorano la sbiadita politica
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
La protesta dei giovani
dalla piazza vada nelle urne
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Merkel e Macron:
“Con Ankara
si deve
dialogare”

Armenia,
al voto
dopo
la guerra

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00