function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Confronto fra un medico pneumologo e una "svapatrice"
Immagini articolo
Tassare le e-sigarette?
L'idea convince a metà
CLEMENTE MAZZETTA


Le sigarette elettroniche non sono così "innocenti" come sembra. Dopo i primi morti per questo tipo di "fumo", considerato comunque meno dannoso di quello tradizionale, è andata in crisi anche l’idea che sarebbero più efficaci rispetto alle altre terapie sostitutive della nicotina. Come se non bastasse  il disegno di legge sui prodotti del tabacco e le indicazioni della Commissione sanità del Consiglio degli Stati prevedono di tassarle alla stregua di quelle tradizionali. Anche se un po’ meno. Uno "sconto" perché - allo stato attuale delle conoscenze - le e-cig sarebbero meno nocive. Il loro utilizzo sarà però vietato nelle zone pubbliche destinate ai non fumatori per proteggere gli adolescenti dal consumo e dal contatto con prodotti del tabacco e sigarette elettroniche. I rappresentanti dell’associazione di categoria degli svapatori ovviamente contestano questa impostazione. Mentre dal profilo medico, secondo il dottor Bolognini (vedi sotto), l’utilizzo è da sconsigliare.
c.m.

È un balzello sbagliato, non si considera la diversità dal tabacco
Patrizia Cavalli
Portavoce Associazione Helvetic Vape

Ovviamente siamo contrari alla tassazione, anche se in misura ridotta, delle sigarette elettroniche. I  vaporizzatori non sono equiparabili al tabacco. Sono altra cosa. Piuttosto le sigarette elettroniche dovrebbero essere incentivate vista la funzione di prevenzione contro il fumo che viene da tutti riconosciuta. Al momento l’unico Stato che applica la tassazione alle sigarette elettroniche è l’Italia, con non pochi problemi per la riscossione, anche perché i liquidi che si inalano possono essere fatti in modo artigianale, acquistati in farmacia, piuttosto che nei negozi. Ricordo che la nostra associazione da tempo ha chiesto all’Ufficio federale della sanità pubblica di ridefinire la strategia del Programma nazionale tabacco, ovvero di considerare i vaporizzatori personali come strumenti per la prevenzione del tabagismo. Ci sono Paesi come l’Inghilterra, il cui ministero della salute ha sottolineato l’importanza dello Svapo come alternativa alle sigarette tradizionali. Con risultati positivi per la salute dei cittadini, visto che la percentuale degli inglesi che fuma si è ridotta notevolmente, passando dal 20% al 14%. In Svizzera, invece, da anni i fumatori rappresentano il 25% della popolazione. I vaporizzatori rappresentano una vera alternativa, sono un mezzo concreto per ridurre il numero di casi di malattia e di morte dovuti al tabagismo in Svizzera. Per tutti questi motivi, chiediamo di mantenere l’attuale esenzione da tasse specifiche per i liquidi, sia che contengano o meno nicotina , così come per i dispositivi. No quindi ad una politica restrittiva. No anche alla "fake news" che attribuiscono una qualche pericolosità agli svapo. In realtà sono meno dannosi, al 95% del fumo tradizionale. Con le sigarette elettroniche non si inalano infatti  prodotti della combustione delle sigarette tradizionali che hanno effetto cancerogeno. Una politica che ci tassa come il fumo, è una politica retrograda che guarda al passato, che non tiene presente il futuro.


Ancora troppi dubbi sulle sostanze inalate e sulla reale efficacia
Gianfranco Bolognini
Medico, pneumologo

Sulle sigarette elettroniche ci sono ancora parecchi dubbi e incertezze. Innanzitutto sul tipo di sostanze che si inalano e poi sull’effettiva efficacia del mezzo in sé. Ne sconsiglierei l’utilizzo, salvo casi particolari (irriducibili fumatori) e sarei tutto sommato favorevole all’introduzione di una tassa. A mio avviso le e-cig non sono un metodo utile per ridurre il tabagismo. E restano un invito all’atto di fumare. Un pericolo anche per le giovani generazioni.
Detto questo, sono ben cosciente che il dibattito attorno alle e-sigarette continuerà ancora a lungo. Tante le incertezze sulla loro sicurezza e sulla reale efficacia nel far smettere di fumare. Esistono altre strategie che si sono dimostrate valide per uscire dalla dipendenza da nicotina. Meno invasive rispetto all’atto di continuare comunque a inalare delle sostanze nei polmoni. Non per niente l’Organizzazione mondiale della sanità, che sino a poco tempo fa sosteneva il principio del "fa meno male", le ha ora definite "senza dubbio dannose".
In sostanza, oltre a non aver dimostrato di riuscire a togliere il vizio del fumo, le e-cig potrebbero pure indurre i più giovani a consumare nicotina con più facilità. Inoltre, non dimentichiamo che negli Stati Uniti una persona è morta per le complicazioni respiratorie causate dalla sigaretta elettronica e recentemente sono capitati degli incidenti dovuti all’esplosione di quest’ultima con gravi lesioni alla bocca del fumatore.
Anche se con la e-cig si riducono le sostanze nocive inalate, cioè quelle provocate dalla combustione e, come ho sottolineato, nei grandi fumatori potrebbero funzionare per ridurre la quantità di tabacco consumata, non vanno comunque prese alla leggera. La soluzione migliore è non iniziare a fumare o smettere il prima possibile senza passaggi intermedi su cui, come abbiamo visto, vi sono ancora molti dubbi.
22.09.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00