function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Inchiesta della magistratura su 300mila campioni di sangue
Immagini articolo
Svuotata a Ginevra
la banca delle staminali
PATRIZIA GUENZI MAURO SPIGNESI


A metà luglio i telefoni dei loro uffici nel quartier generale di Plan-les-Ouates, canton Ginevra, squillavano a vuoto. Ad agosto erano cominciate ad arrivare le prime segnalazioni di padri e madri che avevano affidato a loro, la Cryo-Save Ag, il cordone ombelicale dei figli. All’inizio di settembre è arrivata la certezza che qualcosa non stava funzionando. Il ministero pubblico di Ginevra, dopo una denuncia dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), ha aperto un’inchiesta contro i responsabili della banca privata di cellule staminali, la Cryo-Save Ag appunto. Si tratta di una sorta di multinazionale che in cinque anni nei propri forzieri ha incamerato qualcosa come 300mila campioni provenienti da tutta Europa, Svizzera compresa. Campioni che oggi, però, non sono più a Ginevra dove dovevano essere conservati per almeno 25 anni congelati in azoto liquido. "Già alla fine di agosto l’Ufsp ha radiato Cryo-Save Ag dall’elenco dei titolari di autorizzazione, dopo che la filiale di Plan-les-Ouates è stata cancellata dal registro di commercio ginevrino, l’azienda aveva trasferito in Polonia le cellule staminali conservate (secondo sue stesse indicazioni) e i referenti non risultavano più raggiungibili dalle autorità preposte", spiegano a SwissMedic.
Le cellule staminali del sangue  dal cordone ombelicale sono preziose. La mamma prima del parto decide se donarle, quindi metterle a disposizione di una banca pubblica, o conservarle nell’eventualità che suo figlio ne abbia un giorno bisogno. In questo caso il deposito va fatto in una banca privata ed è a pagamento. Gli esperti considerano tuttavia molto improbabile che le cellule staminali del sangue conservate in banche private possano essere riutilizzate mentre si è ancora in vita. È possibile che il sangue cordonale raccolto contenga una quantità di cellule staminali insufficiente per un trapianto. La scelta più sensata dal profilo medico, spiegano, è un deposito in un caveau pubblico, in quanto la rete internazionale di queste banche permette di creare una "solidarietà generale".
In Svizzera le due banche pubbliche ufficiali del sangue del cordone si trovano negli ospedali universitari di Basilea e di Ginevra (a fine giugno in totale erano depositate 4.828 unità). Qui fanno capo tutte le raccolte compiute nei vari ospedali e cliniche. "Purtroppo molti prelievi mancano all’appello perché durante il fine settimana non vengono raccolti i cordoni", osserva Paolo Tiraboschi, coordinatore di Ticinocord. Il nostro cantone ha iniziato nel 2008 la raccolta e oggi si contano 300 depositi. Il numero di donatori per fortuna è stabile "ma un’altra difficoltà, se così si può definire - dice Tiraboschi -, è che le banche pubbliche utilizzano criteri più severi rispetto a quelle private. Quindi non tutte le nostre raccolte alla fine si rivelano adatte per la conservazione".
Ma torniamo alla vicenda Cryo-Save. Già prima dell’apertura dell’inchiesta, decine e decine di famiglie si erano rivolte a Berna per avere spiegazioni. Alcune di loro avevano la necessità di far capo al loro deposito. E ora che si è scoperto che la bio-banca è stata svuotata. Solo dall’Italia, 15mila madri (come ha scritto il quotidiano la Stampa) vogliono sapere che fine hanno fatto i campioni di sangue del cordone ombelicale dei loro bimbi, utile nel trattamento di alcuni tipi di malattie pediatriche come leucemie e linfomi. La società peraltro, pur avendo una sede legale nel canton Svitto, è quotata in Olanda e ha diverse sedi in tutta Europa, compresa una operativa in Italia dove si può solo donare il sangue a ospedali privati ma se si vuole conservare bisogna affidarlo a bio-banche straniere, naturalmente pagando tra dai 3 ai 4mila franchi per il deposito.
p.g/m.sp.
22.09.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00