function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Vendite sorprendenti ma mancano regole e buon senso
Immagini articolo
Invasi dai monopattini
"Convivenza difficile"
ANDREA BERTAGNI


Regole, rispetto e più spazi per la mobilità lenta. Di fronte al successo dei monopattini tradizionali e elettrici tutti - autorità, utenti e pedoni - devono impegnarsi. Anche perché sempre più dovremo fare i conti con questo tipo di "veicoli". In Svizzera, stando a produttori e commercianti, dall’inizio dell’anno le vendite sono schizzate verso l’alto. Il sito di commercio online Digitec Galaxus, ad esempio, nei primi sei mesi del 2019 ne ha quintuplicato la fornitura rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Tanto che lo stesso rivenditore web propone un’ottantina di modelli. Soprattutto a clienti uomini fra i 30 e i 39 anni. "È un mezzo di trasporto che va sostenuto - dice Marco Vitali, presidente di Pro Velo Ticino -, rende in un certo modo più fluido il traffico. Ma servono delle nuove regole".
In effetti già solo tra pedoni e ciclisti la convivenza non è sempre facile. "È necessario lanciare delle campagne di sensibilizzazione - afferma Vitali -. Noi notiamo purtroppo che spesso manca il rispetto reciproco tra i vari utenti delle piste ciclopedonali. Ci sono pedoni che occupano tutto lo spazio, magari con un cane al guinzaglio, obbligando i ciclisti a fermarsi. Come ci sono ciclisti che superano i pedoni a tutta velocità, spaventandoli. E i monopattini elettrici sono un ‘elemento di disturbo’ in più". Si rende quindi ancora più necessario, sottolinea Vitali, allargare gli spazi per la mobilità lenta. "Sempre più gente va in bicicletta - dice - e anche i monopattini aumenteranno. Invece di fare come Lugano che chiude le strade meglio creare degli spazi per queste forme di mobilità alternativa".
Ad accorgersi del boom sono anche le grandi città europee come Milano e Parigi. Invase da questi nuovi mezzi di trasporto pratici per le brevi distanze e scelti sempre più soprattutto dai pendolari. La metropoli lombarda ha vietato a inizio agosto la circolazione dei monopattini a noleggio. Presto le due ruote dovrebbero però tornare su aree riservate.
Anche Carlo Zoppi, segretario dell’Associazione trafficio e ambiente (Ata) dice che servono più ciclopiste. "Bisogna che l’ente pubblico progetti nuove infrastrutture - precisa - altrimenti chi sceglie la mobilità lenta si sente minacciato e utilizza i marciapiedi".
Regole e spazi. Sembrano dunque essere queste le due condizioni per favorire una convivenza pacifica sulla strada. Nel caso dei monopattini tradizionali, ad esempio, che possono circolare sui marciapiedi a differenza di quelli elettrici (solo sulle strade, vedi articolo a fianco) serve anche rispetto. "Alla base deve esserci il buon senso - continua Zoppi - ma soprattutto rispetto per gli utenti più deboli come gli anziani, i bambini, i disabili". Per il resto il contatto visivo e qualche colpo di campanello possono ovviare alle situazioni delicate.
Ecco perché l’Ata ha da poco dato alle stampe alcuni opuscoli informativi. Ed è convinta che le autorità dovrebbero cominciare a gestire questa nuova mobilità. Che piace sempre più. Soprattutto nelle città. Per evitare incidenti e incomprensioni. Visto che nessuno deve prevalere sull’altro.
an.b./a.s
22.09.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00