function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Centinaia i neologismi nei dizionari dell'edizione 2020
Immagini articolo
Dentro il vocabolario
lo specchio del tempo
ANDREA STERN


Sbancalare, blastare, sbrilluccicare, catfishing, plogging, deep learning. Persino antipatizzante e ciaone. "Decisamente chi aggiorna i dizionari si sta lasciando prendere un po’ troppo la mano - dice Ottavio Lurati, professore emerito di linguistica e membro effettivo dell’Accademia della Crusca -. Nelle nuove edizioni sono stati inseriti troppi termini destinati a durare meno di un battito d’ali. Termini effimeri, che scompariranno alla stessa velocità con la quale sono comparsi".
Chissà, forse il professore vede bene. Fatto è che effettivamente l’aggiornamento 2020 della lingua italiana è molto corposo. Il nuovo dizionario Devoto-Oli comprende circa quattrocento neologismi, lo Zingarelli addirittura cinquecento. "Queste novità sono dettate soprattutto da una componente commerciale - sostiene Lurati -. Chi vende i dizionari ha interesse a far invecchiare in fretta le edizioni precedenti, per stimolare gli acquisti. Inoltre, molti utilizzano queste nuove parole per distinguersi, per fare colpo".  
Sarebbe tuttavia sbagliato essere così snob da non considerare i neologismi, avverte Ottavio Lurati, l’unico studioso svizzero vivente che abbia ricevuto il Premio Galileo Galilei. "Come materia di studio sono estremamente interessanti - dice -. Dai neologismi emerge il ritratto dell’uomo moderno. Si nota ad esempio che spesso le nuove espressioni sono legate a Internet o a novità tecnologiche ma in molti casi anche alla situazione di persone che sono isolate dalla società. A me piace definire gli individui di oggi come degli eremiti di massa. Persone che vivono tra la folla ma sono essenzialmente sole".
Sole e sempre più precarie. Vittime della "gig economy", tanto per citare uno dei neologismi dell’annata 2020. Gig economy che sta a indicare, per chi non si fosse ancora aggiornato, "un modello economico che si basa su contratti di lavoro di breve durata o su prestazioni occasionali (lavoro autonomo, lavoro a chiamata, ecc.)"; o anche "un’economia dei lavoretti". Il precariato, insomma, sebbene in inglese sembri molto più trendy.
Resta poi da vedere quante di queste parole resisteranno alla prova più difficile, quella della durata nel tempo. "In molti ricorderanno - riprende Lurati - la storia del bambino che in un tema scolastico inventò l’aggettivo ‘petaloso’ e della sua maestra che lo sottopose all’Accademia della Crusca. All’interno del comitato io mi opposi al riconoscimento del termine ma la maggioranza decise di approvarlo. Oggi quell’aggettivo è già desueto e io mi dico che probabilmente avevo fatto bene a cercare di frenare gli entusiasmi".
Resta infine il mistero attorno a certi termini che, seppur divenuti di uso comune, faticano a fare il grande passo. Uno su tutti, sottolinea Lurati, è resilienza. Molto in voga da qualche anno, soprattutto grazie alle traduzioni dall’inglese in ambito scientifico. Un termine che ben si presterebbe a definire la capacità della lingua italiana di assorbire le novità senza cambiare la propria natura. Ma la resilienza, aggiunge Lurati, resta ancora fuori da parecchi dizionari. Forse l’origine latina (e non inglese) del termine lo rende meno attraente. O forse dovrà semplicemente attendere il suo turno.
a.s.
22.09.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00