function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Il singolare effetto degli "influencer" è sempre esistito
Immagini articolo
Oggi è la Ferragni
ma ieri c'era Goethe
MARINA CAPPA


Adesso sembra che siano la grande novità della comunicazione contemporanea, tanto da produrre corsi di laurea e movimenti contro. In realtà, ogni epoca ha avuto i suoi influencer. Prima di Chiara Ferragni, che solo lavandosi i capelli o indossando una certa maglia produce migliaia di imitatori, c’era per esempio - fuor di paradosso - Goethe.
Nel 1774, all’uscita del suo libro, decine di aspiranti "giovani Werther" decisero di suicidarsi come il protagonista del romanzo, così che lo si potrebbe definire un influencer ante litteram. L’effetto della suggestione è inevitabilmente più forte quando a esserne colpiti sono ragazzi, maggiormente esposti all’immedesimazione. Così successe con James Dean, dal punto di vista per esempio del look "ribelle senza causa", e con tanti protagonisti del cinema quando le sale erano piene. Già qui i numeri crescevano, la diffusione del mezzo raggiungeva un pubblico più ampio di quello strettamente letterario. Ma è con l’avvento della Rete - dove gli influencer, a fronte di un ritorno economico o in natura, promuovono abbigliamento, prodotti di bellezza, viaggi e anche altre curiosità - che tutto esplode, perché i numeri degli "influenzati" raggiungono ormai i milioni. Per diventare influenzatori, d’altra parte, non è necessario avere un talento speciale, ed è questa la grande differenza rispetto a un Goethe ma anche a una rockstar o a una stella del cinema.
Ciononostante, viste le potenzialità del mercato, è nato un corso di laurea triennale mirato. Lo ha lanciato eCampus, università online, che intende formare "ambasciatori di se stessi" e ovviamente dei marchi pubblicizzati. I corsi variano dalla Semiotica all’Estetica, dalla Psicologia all’Informatica. Alla fine, passati anche attraverso stage, forse si potrà diventare la nuova Ferragni del web. Ma mentre la signora Fedez, che solo su Instagram ha 17,6 milioni di follower, è senza dubbio un caso di self marketing riuscitissimo, sembra difficile che tutti possano emularla.
Non a caso, si avvertono già i primi segnali di rifiuto. Intanto, molte aziende cominciano a rendersi conto che solo a un numero altissimo di follower può corrispondere un reale vantaggio economico: se ti seguono poche migliaia di persone e tu pubblicizzi il mio maglione, quanti maglioni alla fine riuscirò a vendere?
Dall’altro lato, nascono progetti come Stàggati. L’idea in questo caso è selezionare una decina di volti della Generazione Z (i nati fra il 1995 e il 2009, ma l’appello è rivolto ai maggiorenni) che abbiano un account Instagram e che vogliano postare scatti veri, immagini non costruite né patinate, diventando così "anti-influencer". Essendoci alle spalle di Stàggati un’azienda di telefonia, Wiko, anche stavolta si tratta naturalmente di una iniziativa di marketing, che però suggerisce come l’inflazione di influencer non avrà probabilmente lunga vita.
E se da una parte si suppone che sopravviverà chi farà davvero i grandi numeri, dall’altra si può ipotizzare che l’altra faccia del futuro (almeno quello prossimo: più in là non è dato fare previsioni) sarà sempre più "di nicchia": realtà molto piccole ma con un legame strettissimo al proprio target di riferimento. Un po’ quello che avviene con la televisione e con il mondo tout court, scisso fra globalizzazione e territorialità.
01.12.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00