La classifica di gradimento degli "espatriati" in 187 Paesi
Immagini articolo
Chi cambia città
premia Zugo e Basilea
MAURO SPIGNESI


Uno pensa al fascino di Parigi, alle luci e allo skyline di New York, o alla grande bellezza antica di Roma. E invece no. Il desiderio, il sogno si spegne quando in queste città si va a vivere. E bisogna fare i conti con il traffico, la burocrazia per ottenere i permessi, i trasporti che non funzionano, la qualità della vita scadete. Ed ecco allora che la classifica dei centri più vivibili per gli "espatriati" è quella che non ti aspetti. In cima, tra le prime dieci città, ci sono Taipei, Kuala Lumpur, Ho Chi Minh City, Singapore, Montréal, Lisbona, Barcellona, Zugo, L’Aia e Basilea. Naturalmente questa graduatoria è molto soggettiva. E si basa sui giudizi di oltre 20.000 stranieri che sono andati a vivere in 187 Paesi differenti e rappresentano 178 nazionalità. Sono loro ad avere fornito informazioni su vari aspetti della vita del Paese ospitante. Informazioni che poi sono state elaborate e inserite in un ampio studio annuale della società InterNations che compila il sondaggio Expat Insider. Oltre Zugo e Basilea, fra le città prese in considerazione anche Berna (alla casella 38 della classifica), Ginevra (69), Losanna (36), Zurigo (41) e Lugano (43).
Ai partecipanti allo studio è stato domandato di valutare più di 25 diversi aspetti della vita urbana all’estero. E questo su una scala da uno a sette. Su molti giudizi ha naturalmente influito la soddisfazione personale degli "espatriati". Le valutazioni sono state quindi raggruppate in varie combinazioni per un totale di 13 sottocategorie e i loro valori medi sono stati utilizzati per elaborare quattro indici. Si comincia dalla qualità della vita, per poi passare al sentimento d’accoglienza, alla possibilità di trovare lavoro, sino alla finanza e all’edilizia abitativa. Queste categorie sono stati ulteriormente elaborate per classificare 82 città in tutto il mondo.
Andando a vedere nel dettaglio le preferenze delle città si scopre che Zugo non è solo quella più votata della Svizzera ma, si sostiene, offre anche la migliore qualità di vita. Di fatto quasi tutti gli "espatriati" sono soddisfatti del trasporto locale, della qualità dell’ambiente, della loro sicurezza personale. "Tuttavia, la città si colloca al 44° posto (mediocre) su 82 per sicurezza sul lavoro", dice il sondaggio. In effetti, quasi un quarto degli espatriati (24%) non si sente sicuro nel proprio lavoro (contro il 21% a livello globale). Oltre gli aspetti positivi ci sono quelli negativi. Zugo si colloca al 58° posto nell’indice Getting Settled, con il 35% degli intervistati che afferma di trovare difficoltà ad abituarsi alla cultura locale. "Trovo che fare amicizia sia estremamente difficile, e io sono una persona molto socievole", ha detto un espatriato canadese.
Un po’ lo stesso giudizio che si riscontra a Basilea. Esattamente tre su dieci (30%) fanno fatica ad abituarsi alla cultura locale (contro il 20% a livello globale) e il 28% non si sente come a casa (contro il 21% a livello globale). Inoltre, la città si colloca al 63° posto nelle sottocategorie di cordialità locale e amici e socializzazione. "La gente del posto non è molto aperta", ha detto un "espatriato" dal Venezuela. Il 28% degli "espatriati", poi, descrive l’atteggiamento nei confronti dei residenti stranieri come generalmente ostile (contro il 19% a livello globale). Naturalmente sono tutte solo impressioni personali.
m.sp.
08.12.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una legge razziale
a rischio per l'India
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

India:
il Gange
accoglie
i fedeli

Francia: a Parigi
si festeggia
il capodanno
lunare cinese

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00