function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Le idee e le strategie dell'attivista inglese Rob Hopkins
Immagini articolo
"Il mondo non vi piace?
Basta immaginarlo diverso"
ALESSANDRO CARLINI DA LONDRA


Il mondo attuale in cui viviamo non piace? Bene, "basta volerlo cambiare". Parola di Rob Hopkins, 52enne ambientalista britannico che continua a far parlare di sé per un progetto decennale che sta portando avanti, nonostante tutto e tutti, nonostante ostacoli, pandemie. Si chiama Transition Network: partito da Totnes, la cittadina di Hopkins, è diventato una rete di comunità sparse in tutto il mondo dove i residenti si impegnano in progetti locali come la creazione di un orto, il rimboschimento, gli investimenti in fonti energetiche alternative, cambiano la realtà che li circonda all’insegna di uno spirito "green". In poche parole, "immaginano un mondo diverso", come sostiene lo stesso attivista inglese nel suo ultimo libro, dal titolo emblematico ed evocativo, ‘Immagina se…’, dove per l’appunto si spiegano i passi da compiere per migliorare la propria vita e quella degli altri.
In un’epoca resa ancora più difficile dall’emergenza del Covid-19. "La pandemia ci ha fatto capire quanto sia importante sviluppare modelli economici e di convivenza basati sulla sostenibilità, economica e ambientale", ha spiegato Hopkins, sottolineando l’importanza della coabitazione fra l’uomo e le altre specie. "Le città potrebbero guidare la rivoluzione verde dopo la pandemia e ci sono già importanti esempi, come quello di Barcellona". La città spagnola nei prossimi anni vuole infatti continuare ad estendere la sua zona pedonale, realizzare altri spazi verdi e potenziare una rete di trasporti pubblici non inquinanti. Non è certo facile immaginare però un mondo migliore quando si devono affrontare pandemie globali, il mondo è segnato da conflitti, divisioni politiche, guerre persistenti, e sulla questione cruciale del clima si stentano a trovare soluzioni condivise a livello planetario. L’attivista britannico è consapevole di tutto questo e non ha intrapreso improbabili percorsi all’insegna dell’utopia e dell’isolazionismo. Tutt’altro, afferma che "bisogna impegnarsi nel quotidiano" e offre una vera e propria guida a una realtà migliore.
Nel suo libro e nei suoi interventi, infatti, delinea la sua città ideale nel giro di una decina di anni, ed è tutto già a portata di mano. Hopkins immagina una comunità "dove gli alloggi sono sostenibili, l’approvvigionamento energetico avviene a livello locale, il cibo è abbondante e la settimana lavorativa dura solo tre giorni". Non bisogna correre così lontano per sfruttare al meglio abitudini, stili di vita, tecnologie di cui già si dispone. Come case riscaldate da pannelli solari, protette da muri isolanti in materiali riciclabili, con unità di compostaggio per tutti i bagni dell’edificio. Tutto questo immerso in spazi verdi, dove si trovano varietà di frutta e verdura coltivate direttamente dai cittadini.
Le strade sono tranquille perché il traffico motorizzato è molto ridotto e ci sono in abbondanza veicoli elettrici, come gli autobus che si fermano in aree immerse nel verde, come prevede il progetto britannico Edible Bus Stop, con lo slogan "dal brutale al bello". Viene privilegiato un network di biciclette pubbliche al quale tutti possono accedere liberamente e che permette così di ridurre fortemente l’inquinamento atmosferico. I negozi come le panetterie puntano sulla produzione locale, sfruttando risorse del territorio. La spinta alla produzione e consumo locale in piccoli negozi ha di fatto tagliato fuori dal mercato le grandi catene di supermercati, destinate a scomparire.
Nella visione di Hopkins, poi, le ferrovie (britanniche nel suo caso) tornano completamente di proprietà pubblica e finalmente le stazioni si differenziano l’una dall’altra, con negozi e locali diversi, non appartenenti a grandi catene. Si lavora meno, sempre più da casa, ma si fa molta più attività di volontariato al servizio delle propria comunità, che viene gestita in modo sempre più partecipato dai cittadini, in modo da non far piovere le decisioni dall’alto. La scuola intanto insegna agli studenti come immaginare un mondo migliore. "Se dobbiamo aspettare che siano i governi ad agire, non potranno che agire in ritardo; se invece agiamo come singoli, potrebbe non bastare; ma se agiamo come comunità potrebbe essere sufficiente e potrebbe essere giusto in tempo".
E quindi traspare una certa diffidenza nei confronti dei summit internazionali sui cambiamenti climatici come ad esempio il Cop26 delle Nazioni Unite, che l’anno prossimo sarà ospitato dal Regno Unito a Glasgow in partnership con l’Italia. Spesso questi vertici si chiudono con documenti programmatici in cui si prendono impegni che non vengono rispettati o solo in parte. Meglio, come sostiene Hopkins, partire dal piccolo, dal basso, per poi pensare, anzi immaginare, in grande.
19.12.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00