Importante "compleanno" per il torneo di hockey grigionese
Immagini articolo
Novanta volte Spengler
nel segno della qualità
MASSIMO SCHIRA


Davos, Lugano, Avtomobilist Yekaterinburg, Dynamo Minsk, Team Canada e la "new entry" Mountfield dalla Repubblica Ceca. Sono queste le "magnifiche 6" che dal giorno di Santo Stefano daranno vita ad un’edizione speciale della classica Coppa Spengler. Sul ghiaccio grigionese il tradizionale torneo scende infatti per la novantesima volta dal 1923. Con un programma nel segno della continuità, ma anche con un’offerta sportiva di primissimo livello. "È un torneo per la gente che ama la Coppa Spengler, come me", ha spiegato Marc Gianola, storica bandiera dell’hockey club Davos, al primo anno nel ruolo di presidente del comitato organizzativo.
Una novantesima edizione che vede come sempre ai blocchi di partenza diverse scuole hockeystiche. Assenti le compagini nordiche, la sfida si gioca in primo luogo sull’asse est-ovest. Con il drappello di tre formazioni provenienti da Russia, Bielorussia e Repubblica Ceca a sfidare la coppia rossocrociata Davos-Lugano e i sempre attesissimi canadesi, vera e propria istituzione della Spengler. Anche perché tra Team Canada e Davos è in atto da qualche anno un vero e proprio braccio di ferro per il record assoluto di vittorie. Un primato che, al momento, è ancora in mano grigionese per 15-13, ma che dagli anni ‘90 ha subito un vero e proprio assalto da parte della nazionale della foglia d’acero. Che alla finale di Santo Stefano ha partecipato per ben 15 volte dal 1995 allo scorso anno, imponendosi in 9 occasioni.
Riavvolgendo il nastro della storia, si torna però rapidamente al 1923, anno della prima edizione del torneo. Ad aprire le contese, subito una sfida dal carattere decisamente internazionale, con il "derby" tra Vienna e Berlino. Il primo titolo della Spengler finisce però in Inghilterra, con il successo degli studenti della Oxford University a dimostrarsi superiori anche al Davos e ai colleghi-rivali storici della Cambridge University. Tra le curiosità della prima edizione, anche il fatto che il torneo terminò il giorno di Capodanno e non il 31 dicembre. Il motivo? Le cronache dell’epoca narrano di una situazione con troppa neve e con forte rischio di valanghe.
Dopo una lunga fase in cui la Spengler rafforza il proprio carattere di torneo internazionale con le vittorie di squadre provenienti da Praga, Berlino, Milano, Parigi e Zurigo, verso la fine degli anni Sessanta si registra un cambiamento epocale. L’edizione è quella del 1967 e per la prima volta nei Grigioni sbarca una squadra proveniente dall’Unione sovietica. E con la partecipazione - e la conseguente vittoria finale - della Lokomotiv Mosca si apre un periodo spesso caratterizzato da grandi sfide sull’asse Russia-Cecoslovacchia, con la pista di Davos ad ospitare alcuni dei nomi destinati ad entrare di diritto nella leggenda dell’hockey su ghiaccio.
Nel 1979 il torneo si gioca per la prima volta sotto la cupola della nuova pista di Davos (con vittoria del Krilja Mosca) dove il numero degli spettatori aumenta repentinamente, superando  quota 40.000 e confermando il crescente interesse del pubblico nei confronti della Spengler. Che, però, i padroni di casa non riescono a vincere ormai dal 1958. E il "problema" si protrarrà ancora per qualche anno, perché la finalissima del 1981 per i grigionesi si conclude con una sconfitta contro gli inarrivabili moscoviti dello Spartak. E proprio negli anni Ottanta fa la sua apparizione nei Grigioni anche il Team Canada, squadra che diventerà in pochi anni la preferita dal pubblico del torneo, spesso con più sostenitori in pista anche rispetto a quelli dello stesso Davos.
Altre due edizioni segneranno poi a caratteri indelebili il "libro" della Spengler, in tempi molto più recenti. Nel 2000 si rompe infatti l’incantesimo e il Davos riesce a finalmente conquistare il torneo casalingo dopo 42 anni d’attesa, riemergendo così definitivamente da un periodo difficile in cui i grigionesi sfiorano il fallimento societario, ripartono dalla Prima Lega, ma riescono a tornare "di forza" ai vertici dell’hockey nazionale. L’altra edizione "speciale" della Spengler degli anni Duemila è invece quella del 2012, quando la pista grigionese è "invasa" dalle superstar della National Hockey League alle prese in patria con il "lockout", ma scatenate sul ghiaccio di Davos. Dove vince il Team Canada e a sollevare il trofeo è "Capitain Canada", Ryan Smyth.
E il futuro? Di certo si prevede una sorta di "ritorno al passato". Come già negli anni Settanta, nel 2017 tornerà in pista una nazionale, per la precisione quella elvetica. Che alla Spengler del prossimo anno parteciperà in vista dei Giochi in Corea del 2018.
18.12.2016


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il mercato milionario
che finanzia la Jihād
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I cyber guerrieri
alla guerra di Putin
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il trionfo dei cibi
prêt-à-manger
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca



ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.02.2017
Concorso per la nomina di vicedirettori/vicedirettrici delle scuole medie superiori
17.02.2017
Il Cantone Ticino dispone di un rating ufficiale pubblico Aa2 outlook stabile, assegnato dall’agenzia Moody’s Public Sector Europe.
15.02.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2017
10.02.2017
Rapporto d'attività 2016 della Sezione del lavoro
09.02.2017
Sono aperte le iscrizioni ai corsi maturità professionale MP2
07.02.2017
Concorso per funzioni di direzione e di vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2017/2021
02.02.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 2 febbraio 2017 alle ore 20:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
02.02.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 14 febbraio prossimo
18.01.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2016
12.01.2017
Newsletter DFP Ticinoinformazione - edizione dicembre 2016
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »









Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

“Muro umano”
in Messico
per protestare
contro Trump

Luci ai semafori
per salvare
chi usa troppo
gli smartphone

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch