Un alpinista "all'antica" si racconta tra una cima e l'altra
Immagini articolo
La vita in verticale
di Hervé Barmasse
MASSIMO SCHIRA


Quando la vita sembra essere arrivata ad un punto di non ritorno, ecco che - improvvisamente - si aprono nuove prospettive. Nuove vie, si direbbe in gergo alpinistico. Potrebbe essere questo, in estrema sintesi, il racconto della storia di Hervé Barmasse. Perché prima di diventare uno degli alpinisti più ammirati in assoluto e prima di seguire la lunga tradizione della sua famiglia, il 39enne di Valtournenche, in Val d’Aosta, ha dovuto affrontare un sentiero decisamente scomodo. Che, per portarlo a diventare il "Signore del Cervino", lo ha costretto ad affrontare un terribile incidente sugli sci. Quando, da giovane promessa delle prove veloci, si schianta contro un palo. È il primo capitolo di una chiacchierata con un uomo che alla montagna ha l’onore di poter dare del tu. "A distanza di qualche anno, analizzi certamente le cose con spirito diverso - racconta Barmasse -. È stato un momento difficile, dal quale sono uscito anche grazie all’aiuto di molte persone. E, in definitiva anche grazie al caso, alla fortuna. Che mi hanno poi portato a scalare".
Nella famiglia Barmasse, però, l’alpinismo è iscritto nel Dna…
"Senza dubbio, ma avrei preferito non dover vivere quei momenti per arrivare all’alpinismo e, magari, aver vissuto la mia carriera di sciatore. Amo molto quello che faccio oggi, ma nella vita capitano sempre tante cose e se mi si chiede cosa avrei preferito, nel rispondere ho qualche dubbio. Non rimpianti, ma rammarico".
Tra le particolarità della sua carriera di alpinista, c’è il fatto di aver condiviso alcune esperienze con suo padre Marco.
"È vero, ma se conto le volte in cui sono stato in montagna con mio padre, non arrivo a 10… Ma è bastato affinché lui mi trasmettesse la sua passione per un alpinismo fuori dagli schemi dell’eroismo e del protagonismo. Per vivere la passione per la montagna in modo semplice. Di certo sono stati momenti intensi".
D’altra parte suo padre è "colpevole" di averla trascinata su per il Cervino nella sua fase di recupero dall’incidente sugli sci…
"Il mio primo Cervino estivo è stato una sorta di premio per la mia riabilitazione. Il desiderio, con la montagna proprio fuori dalla porta di casa, c’è sempre stato. Ma a far scattare la molla è stata la prima invernale, che è arrivata un po’ per caso. Credo che mio padre l’abbia fatto involontariamente e che avrebbe preferito facessi altro nella vita".
Oltre ad alpinista affermato, è anche apprezzato divulgatore. Cosa significa raccontare la montagna, oggi?
"È una cosa che mi piace. Ma non per esaltare la prestazione sportiva, no. Per coinvolgere. Per far capire che la sfida in montagna può essere grande o piccola. Ma che non si tratta soltanto della scalata, bensì di una passione da vivere per tutta la vita. Provo a spiegarlo anche ai giovani".
Come è vista la montagna dal grande pubblico?
"Si paga ancora un certo ritardo storico. Nel senso che le montagne sono state conquistate dopo gli oceani, dopo i continenti, dopo i deserti.  Siamo in ritardo di almeno 300 anni rispetto al resto dell’esplorazione. Culturalmente, questo, spesso si percepisce ancora".
In che senso?
"Beh, ad esempio con il fatto che si vedono i montanari come gente che sopravvive, più che vive. Divulgare è anche spiegare che la montagna è fonte d’ispirazione".
Lo è stato per molti "maestri" dell’alpinismo...
"Anche a livello divulgativo. Messner ha sempre detto che il miglior alpinista è colui che la montagna riesce a preservarla. Bonatti ha giustamente aggiunto che, ormai, le cime impossibili da conquistare non esistono più. E, di conseguenza, la montagna è un mezzo che permette di rispecchiare chi sei. Non solo un luogo per la prestazione atletica".
Ha citato due grandi solitari dell’alpinismo. Come la mettiamo con la "fregatura della solitudine"?
"(ride) Andare da soli nella natura è una cosa che consiglio a tutti. Niente di estremo: lasciate a casa il telefonino e andate a fare un giro per i boschi! Il fatto è che quando affronti una solitaria, non è possibile spiegarne le emozioni. A nessuno. Nemmeno ad altri alpinisti. Secondo Messner e Bonatti è il modo miglior  per fare alpinismo. Forse è vero, ma a volte manca la gioia della condivisione. In questo senso parlo di fregatura".
Lei ama parlare anche di esplorazione nell’alpinismo. Ma esiste ancora questa componente?
"Si. Ogni viaggio è un’esperienza istruttiva. Non si può non guardarsi attorno pensando solo all’obiettivo. Bisogna ritrovare sensibilità ed istinto, qualità che si stanno perdendo, ma che ti fanno apprezzare le cose semplici e le sfumature della vita".
Cosa c’è nel futuro alpinistico di Hervé Barmasse?
"C’è uno spazio per la scoperta. Che mi porterà verso mete magari meno note, ma tutte da vivere".
E gli Ottomila?
"Ci penso. Certo. Ma voglio fare a modo mio, senza tralasciare l’esplorazione. Da solo, forse. In stile alpino di certo e su una via nuova. È l’unica scelta che considero, non dal profilo tecnico, ma anche per non sporcare la montagna".

mschira@caffe.ch
@MassimoSchira
22.01.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il Califfo capitola
ma non all'estero
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
25.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2017
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017
14.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2017
11.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2017
06.09.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 settembre 2017.
05.09.2017
Pubblicati i dati di quattro ulteriori punti di misura delle PM2.5 in Ticino: Airolo, Locarno, Brione e Pregassona [www.ti.ch/oasi]
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2016
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Corea del Nord:
bombardieri
Usa sorvolano
le coste

Francia:
i "ribelli"
in piazza
contro Macron

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch