Un alpinista "all'antica" si racconta tra una cima e l'altra
Immagini articolo
La vita in verticale
di Hervé Barmasse
MASSIMO SCHIRA


Quando la vita sembra essere arrivata ad un punto di non ritorno, ecco che - improvvisamente - si aprono nuove prospettive. Nuove vie, si direbbe in gergo alpinistico. Potrebbe essere questo, in estrema sintesi, il racconto della storia di Hervé Barmasse. Perché prima di diventare uno degli alpinisti più ammirati in assoluto e prima di seguire la lunga tradizione della sua famiglia, il 39enne di Valtournenche, in Val d’Aosta, ha dovuto affrontare un sentiero decisamente scomodo. Che, per portarlo a diventare il "Signore del Cervino", lo ha costretto ad affrontare un terribile incidente sugli sci. Quando, da giovane promessa delle prove veloci, si schianta contro un palo. È il primo capitolo di una chiacchierata con un uomo che alla montagna ha l’onore di poter dare del tu. "A distanza di qualche anno, analizzi certamente le cose con spirito diverso - racconta Barmasse -. È stato un momento difficile, dal quale sono uscito anche grazie all’aiuto di molte persone. E, in definitiva anche grazie al caso, alla fortuna. Che mi hanno poi portato a scalare".
Nella famiglia Barmasse, però, l’alpinismo è iscritto nel Dna…
"Senza dubbio, ma avrei preferito non dover vivere quei momenti per arrivare all’alpinismo e, magari, aver vissuto la mia carriera di sciatore. Amo molto quello che faccio oggi, ma nella vita capitano sempre tante cose e se mi si chiede cosa avrei preferito, nel rispondere ho qualche dubbio. Non rimpianti, ma rammarico".
Tra le particolarità della sua carriera di alpinista, c’è il fatto di aver condiviso alcune esperienze con suo padre Marco.
"È vero, ma se conto le volte in cui sono stato in montagna con mio padre, non arrivo a 10… Ma è bastato affinché lui mi trasmettesse la sua passione per un alpinismo fuori dagli schemi dell’eroismo e del protagonismo. Per vivere la passione per la montagna in modo semplice. Di certo sono stati momenti intensi".
D’altra parte suo padre è "colpevole" di averla trascinata su per il Cervino nella sua fase di recupero dall’incidente sugli sci…
"Il mio primo Cervino estivo è stato una sorta di premio per la mia riabilitazione. Il desiderio, con la montagna proprio fuori dalla porta di casa, c’è sempre stato. Ma a far scattare la molla è stata la prima invernale, che è arrivata un po’ per caso. Credo che mio padre l’abbia fatto involontariamente e che avrebbe preferito facessi altro nella vita".
Oltre ad alpinista affermato, è anche apprezzato divulgatore. Cosa significa raccontare la montagna, oggi?
"È una cosa che mi piace. Ma non per esaltare la prestazione sportiva, no. Per coinvolgere. Per far capire che la sfida in montagna può essere grande o piccola. Ma che non si tratta soltanto della scalata, bensì di una passione da vivere per tutta la vita. Provo a spiegarlo anche ai giovani".
Come è vista la montagna dal grande pubblico?
"Si paga ancora un certo ritardo storico. Nel senso che le montagne sono state conquistate dopo gli oceani, dopo i continenti, dopo i deserti.  Siamo in ritardo di almeno 300 anni rispetto al resto dell’esplorazione. Culturalmente, questo, spesso si percepisce ancora".
In che senso?
"Beh, ad esempio con il fatto che si vedono i montanari come gente che sopravvive, più che vive. Divulgare è anche spiegare che la montagna è fonte d’ispirazione".
Lo è stato per molti "maestri" dell’alpinismo...
"Anche a livello divulgativo. Messner ha sempre detto che il miglior alpinista è colui che la montagna riesce a preservarla. Bonatti ha giustamente aggiunto che, ormai, le cime impossibili da conquistare non esistono più. E, di conseguenza, la montagna è un mezzo che permette di rispecchiare chi sei. Non solo un luogo per la prestazione atletica".
Ha citato due grandi solitari dell’alpinismo. Come la mettiamo con la "fregatura della solitudine"?
"(ride) Andare da soli nella natura è una cosa che consiglio a tutti. Niente di estremo: lasciate a casa il telefonino e andate a fare un giro per i boschi! Il fatto è che quando affronti una solitaria, non è possibile spiegarne le emozioni. A nessuno. Nemmeno ad altri alpinisti. Secondo Messner e Bonatti è il modo miglior  per fare alpinismo. Forse è vero, ma a volte manca la gioia della condivisione. In questo senso parlo di fregatura".
Lei ama parlare anche di esplorazione nell’alpinismo. Ma esiste ancora questa componente?
"Si. Ogni viaggio è un’esperienza istruttiva. Non si può non guardarsi attorno pensando solo all’obiettivo. Bisogna ritrovare sensibilità ed istinto, qualità che si stanno perdendo, ma che ti fanno apprezzare le cose semplici e le sfumature della vita".
Cosa c’è nel futuro alpinistico di Hervé Barmasse?
"C’è uno spazio per la scoperta. Che mi porterà verso mete magari meno note, ma tutte da vivere".
E gli Ottomila?
"Ci penso. Certo. Ma voglio fare a modo mio, senza tralasciare l’esplorazione. Da solo, forse. In stile alpino di certo e su una via nuova. È l’unica scelta che considero, non dal profilo tecnico, ma anche per non sporcare la montagna".

mschira@caffe.ch
@MassimoSchira
22.01.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe