Sandra Schöpfer mamma di Robin, 5 anni, diabetico
Immagini articolo
"Per curare mio figlio
mi aiuta una cocker"
PATRIZIA GUENZI


C’è una cagnolina che tutti i giorni aspetta davanti alla scuola di Uvrier, un piccolo centro del Vallese. Con gli occhi cerca Robin, 5 anni, e appena lo vede gli corre incontro e gli lecca la punta del naso. Poi gli posa la zampa sulla spalla. Significa che tutto è a posto. E questi stessi gesti Easy, giovane cocker inglese, li fa almeno una decina di volte al giorno per scoprire gli eventuali sbalzi di glicemia di Robin, da tre anni affetto da diabete di tipo 1, quello che rende i pazienti dipendenti a vita dall’insulina. "È un po’ la sua tata - spiega al Caffè la mamma, Sandra Schöpfer, 38 anni -. Ci dà un grosso aiuto, da quando c’è lei siamo tutti più tranquilli. Abbaia e richiama la nostra attenzione, è in grado anche di portarci il kit di primo soccorso con dentro tutto il necessario. È fondamentale intervenire tempestivamente se Robin va in ipoglicemia, e Easy è un’infermiera davvero speciale, affidabile e discreta".
Certo, Sandra e il marito mai avrebbero pensato di affidare il figlio alle "cure" di un quattrozampe. Tuttavia... "Per caso, ancora prima che Robin stesse male, qualcuno ci aveva parlato dell’associazione Farah-Dogs di Sierre che insegna ai cocker ad odorare e assistere le persone diabetiche. A capire, prima di tutti, grazie al loro olfatto, se la glicemia si sta abbassando o alzando oltre la soglia limite". Una soglia che non può mai essere presa alla leggera. "Dobbiamo sempre essere vigili", osserva la madre che controlla spesso la borsa a tracolla di Robin, collegata a una pompa che immette nel sangue le unità di insulina attraverso una sorta di orologio gestito da lei o dal padre. Ecco perché il compito di Easy è prezioso. È lei per prima ad accorgersi se  qualcosa non va. Ancora prima che Robin giri indietro gli occhi. "Il rischio di coma è molto alto", spiega Sandra, che ricorda una crisi recente, era gennaio, conclusasi con il ricovero del figlio all’ospedale pediatrico di Losanna per una settimana.
Tutto ciò, oltre alla sofferenza fisica di Robin e alla preoccupazione dei genitori ha pure un costo. "Una parte delle spese è presa in carico dall’assicurazione malattia, ma non paga tutto il materiale, ad esempio non ci rimborsa le pile al litio o alcuni cateteri. Di tasca nostra sborsiamo dai 400 ai 500 franchi all’anno. E per il nostro budget familiare è una somma rilevante".
In Svizzera si contano circa 40mila persone diabetiche. Le cellule del loro pancreas, distrutte dal sistema immunitario, non producono più l’insulina necessaria che regola la glicemia nel sangue. E un tasso di glucosio non controllato alla lunga provoca gravi problemi di salute al cuore, ai reni, agli occhi, al sistema nervoso e dei vasi sanguigni. Ecco perché Sandra e il marito Cédric vivono costantemente sul chi va là. La notte soprattutto, quando Easy dorme perché non è ancora allenata a resistere 24 ore su 24. "Si distende accanto a Robin e dimentica il suo ruolo di infermiera. Non ha ancora l’istinto di svegliarsi per controllare il tasso di glucosio del suo piccolo amico. E i valori di Robin si alzano e si abbassano vertiginosamente quando dorme, dobbiamo verificare almeno quattro-cinque volte per notte", dice Sandra. In mano ha un piccolo apparecchio nero collegato a un sensore che Robin porta al braccio. Sullo schermo si vede chiaramente il tasso di glucosio, se c’è uno sbalzo l’apparecchio emette un segnale.
Anche a tavola bisogna seguire uno scrupoloso rito. Tutto va pesato, calcolato. "La matematica è la passione di mio marito, ma mai avremmo immaginato di fare tutte queste somme e sottrazioni prima dei pasti. Ma solo così sappiamo la dose esatta di insulina da dare  Robin". Purtroppo a scuola Easy non può ancora accompagnare il bambino. "La direzione ci darà l’ok quando la cagnolina sarà impeccabile, non dovrà disturbare né abbaiare. Speriamo presto, perché se c’è lei accanto a Robin siamo tutti più tranquilli".

pguenzi@caffe.ch
06.05.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur