I conti della domenica
Più denunce di danni
se l'auto è in leasing
ANGELO ROSSI


Di primati negativi il nostro cantone ne ha diversi. Recentemente ne è emerso uno nuovo. Si tratta del primato delle denunce per danni subiti in incidenti stradali. La statistica è stata stilata dalla società Axa di Winterthur. Dalla stessa risulta anche che i nostri vicini urani sono quelli con meno denunce.
Di conseguenza l’asse autostradale del San Gottardo, con il suo volume di traffico elevato, non è una buona spiegazione per il primato detenuto dai ticinesi. La spiegazione è quindi da cercare altrove. Anche la qualità della guida può essere scartata come fattore che spiegherebbe le differenze nella frequenza delle denunce. Con ciò voglio dire che, con grande probabilità, gli automobilisti ticinesi non guidano più male, o meno prudentemente, degli automobilisti degli altri cantoni.  Quando si considerano tutti i dati cantonali, si possono fare due costatazioni.
In testa alla classifica delle denunce di danni stanno i cantoni latini e il cantone-città di Basilea. La presenza di Basilea-città al secondo posto e di Ginevra al terzo potrebbe portarci a pensare che la frequenza di  incidenti stradali, e quindi di denunce di danni, sia più elevata nelle zone urbane a forte densità di popolazione. Tuttavia al sesto posto di questa classifica troviamo Appenzello interno che non è né un cantone urbano, né un cantone a grande frequenza di traffico. La frequenza del traffico dipende però anche dall’effettivo di veicoli che circolano sulle reti stradali cantonale e comunale.
L’importanza del volume di traffico su autostrada, strade cantonali e comunali può essere misurata, indirettamente, con il rapporto tra parco veicoli e popolazione residente. Il Ticino è uno dei cantoni che possiede il rapporto più elevato tra parco di veicoli stradali e popolazione: nel 2015 si trattava di quasi 900 veicoli per 1000 abitanti, mentre la media svizzera non era che di 700 veicoli per 1000 abitanti. Da noi circolano quindi un quarto di veicoli in più che a livello nazionale, senza contare quelli dei turisti.
Di conseguenza la probabilità di incidenti stradali potrebbe essere superiore. Axa insiste però su differenze nel comportamento. Nei cantoni latini le denunce di incidenti sarebbero superiori perché negli stessi la quota di proprietari di veicoli comprati col leasing è particolarmente elevata. Chi compera il suo veicolo col leasing è interessato a denunciare qualsiasi danno che il veicolo subisce. Chi paga l’auto  in contanti, invece, rinuncia spesso ad annunciare i piccoli incidenti. Per Axa, quindi, se i ticinesi sono così meticolosi a segnalare all’assicurazione i danni subiti dai loro veicoli è perché non hanno i soldi per comprarsi l’auto in contanti.
29.01.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il mercato milionario
che finanzia la Jihād
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I cyber guerrieri
alla guerra di Putin
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il trionfo dei cibi
prêt-à-manger
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca



ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.02.2017
Concorso per la nomina di vicedirettori/vicedirettrici delle scuole medie superiori
17.02.2017
Il Cantone Ticino dispone di un rating ufficiale pubblico Aa2 outlook stabile, assegnato dall’agenzia Moody’s Public Sector Europe.
15.02.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2017
10.02.2017
Rapporto d'attività 2016 della Sezione del lavoro
09.02.2017
Sono aperte le iscrizioni ai corsi maturità professionale MP2
07.02.2017
Concorso per funzioni di direzione e di vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2017/2021
02.02.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 2 febbraio 2017 alle ore 20:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
02.02.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 14 febbraio prossimo
18.01.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2016
12.01.2017
Newsletter DFP Ticinoinformazione - edizione dicembre 2016
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »









Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

“Muro umano”
in Messico
per protestare
contro Trump

Luci ai semafori
per salvare
chi usa troppo
gli smartphone

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch